Alla fine il 93enne scrittore e padre del commissario "Montalbano" non ce l'ha fatta: Andrea Camilleri si è spento infatti questa mattina all'ospedale Santo Spirito di Roma. Secondo quanto riporta l'agenzia Ansa, le condizioni dell'artista si erano aggravate negli ultimi giorni, e da diverso tempo si trovava ricoverato. Nelle ultime ore poi le funzioni vitali sono andate via via compromettendosi, fino al decesso.

L'Italia, e non solo, dice addio ad un grande della letteratura, che lascia un grande vuoto in tutto il mondo della cultura. Sono pochissimi gli scrittori che, come lui, sono riusciti a farsi amare dal grande pubblico.

Camilleri negli ultimi anni si era cimentato anche come attore teatrale, in particolare aveva recitato nel 2018 in "Conversazioni su Tiresia" (in cui aveva ripercorso la vita dell'indovino cieco collegandola alla sua sopravvenuta cecità), che ha suscitato un grande successo di pubblico e di critica anche sulle reti Rai.

Impegno costante nella scrittura

Andrea Camilleri per molti è stato davvero un maestro. Oltre ad essere l'uomo che ha dato "vita" al personaggio del commissario Montalbano, poi magistralmente interpretato nell'omonima serie tv da Luca Zingaretti, la sua importanza intellettuale deriva proprio dal fatto che ha avuto un impegno costante nella scrittura.

Ultimamente avevano fatto discutere le sue prese di posizioni, abbastanza dure, sulla politica, in particolare contro i provvedimenti varati dal ministro dell'Interno, Matteo Salvini.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

E proprio per questo, nelle scorse settimane, Camilleri è stato oggetto di attacchi bruttissimi, soprattutto sui social network. Ma nonostante questo la sua persona rimane apprezzata da tantissimi fans. Ultimamente Camilleri si stava preparando ad un altro spettacolo teatrale, ovvero "Autodifesa di Caino", che si sarebbe dovuto tenere alle Terme di Caracalla, sempre a Roma.

Lo scrittore nacque a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento, il 6 settembre del 1925: presto però si trasferì nella Capitale, dove ha vissuto fino ad oggi, 17 luglio, giorno del suo decesso.

Esequie in forma privata

Intanto la famiglia dello scrittore ha diramato una nota alle agenzie di stampa, con la quale fa sapere che i funerali di Andrea Camilleri si svolgeranno in forma assolutamente privata. Molto presto dovrebbe essere comunicato il posto in cui verrà seppellito, questo in modo da dare la possibilità a tutti di portargli un ultimo omaggio. Intanto sui social la notizia del decesso dello scrittore sta diventando virale, e in pochi minuti la vicenda è entrata nei trend topic della giornata.

Questo a dimostrazione di quanto lo scrittore sia stato amato.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto