Una terribile tragedia si è verificata nel pomeriggio di ieri, giovedì 8 agosto, alla periferia di Reggio Emilia, dove una 24enne di nazionalità cinese, Hui Zhou, è stata brutalmente assassinata da un uomo. Fino a poche ore fa dell'aggressore non si sapeva nulla, ma ora la Polizia di Stato, grazie anche alle immagini riprese dalle telecamere installate nell'attività commerciale, ha riconosciuto il presunto omicida: si tratterebbe, secondo le indiscrezioni che giungono dall'Emilia, di un cittadino marocchino di 34 anni, le cui generalità non sono state ancora diffuse. Di lui si sa che era stato colpito da numerosi decreti di espulsione, e che fosse senza fissa dimora.

Da ritrovare anche l'arma del delitto

La squadra mobile sta indagando a 360 gradi, e ha emanato un ordine di cattura in tutto il territorio nazionale, nonché inviato indicazioni alle frontiere. Al vaglio degli inquirenti ci sono numerosi particolari, come ad esempio il contenuto del telefono cellulare della vittima, che potrebbe aver conservato elementi utili all'inchiesta. Il bar dove è avvenuta l'aggressione mortale si trova in via XX Settembre, e si chiama Moulin Rouge.

Inoltre non è stata ritrovata neanche l'arma del delitto che gli investigatori stanno ancora cercando. La giovane vittima gestiva l'attività commerciale insieme alla sua famiglia. L'ultima volta gli 'occhi elettronici' hanno ripreso il presunto assassino vicino al liceo Moro, proprio di fronte al luogo del fatto di cronaca, teatro della scena del crimine in questione. Come già detto gli inquirenti hanno da subito escluso la pista del movente legato ad una rapina e ritengono che sia difficile che si tratti anche di estorsione.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Il movente passionale al momento è l'ipotesi più accreditata. Il soggetto si è recato senza esitazione dietro al bancone, colpendo a morte la vittima.

Domani l'autopsia

Proprio domani, 10 agosto, si terrà l'autopsia sul corpo della Zhou. Solo allora si potranno conoscere le reali cause della morte della ragazza. Il capo della Squadra Mobile reggina, Guglielmo Battisti, ha dichiarato che sarà molto difficile catturare l'autore del crimine, ma averlo identificato è già un grande passo avanti.

Recentemente lo stesso uomo era stato inserito in una banca dati dopo dei controlli, e una volta era stato trovato addirittura in una casa abbandonata. Sicuramente nelle prossime ore si potranno conoscere ulteriori particolari su questo spiacevole episodio, l'ennesimo femminicidio che accade nel nostro Paese. "Ci impegneremo per dare giustizia alla famiglia della ragazza" - così ha dichiarato infine Battisti alla stampa nazionale.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto