Uno spiacevole fatto di cronaca si è verificato ieri sera a Bari, precisamente nel rione Japigia, dove all'improvviso un pitbull sarebbe sfuggito al controllo del suo padrone e poi avrebbe fatto il suo ingresso in una pizzeria del posto, aggredendo e uccidendo un cagnolino di piccola taglia, ovvero un Yorkshire. Lo stesso sarebbe stato di proprietà del titolare dell'attività commerciale. Il molosso si trovava all'esterno, e all'improvviso è piombato all'interno dell'attività commerciale, sotto gli occhi terrorizzati dei clienti.

Fortunatamente nessuna persona è stata aggredita, ma purtroppo per il povero cagnolino non c'è stato nulla da fare. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Polizia Locale insieme a quelli del commissariato della Polizia di Stato.

Attimi di tensione

In seguito all'increscioso episodio si sono verificati attimi di tensione, proprio tra il titolare della pizzeria e il padrone del molosso. Gli animi sono stati sedati dagli uomini delle Forze dell'Ordine.

Pertanto il proprietario del pitbull è stato denunciato, e l'animale adesso è stato affidato al proprietario in attesa degli accertamenti che effettuerà la Asl locale. Il tutto si è verificato in via delle Forze Armate intorno alle ore 21:00 di ieri sera. Sembrava una serata come le altre al quartiere Japigia, poi il molosso ha fatto irruzione all'interno del locale, seminando il panico. Sul caso adesso si indagherà a 360 gradi: gli inquirenti infatti vogliono capire che cosa sia realmente successo.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Non è di certo la prima volta che un cane di grossa taglia si rende protagonista di eventi così nefasti. A settembre scorso, ad esempio, a Tavazzano, un piccolo comune del lodigiano, un pitbull aggredì un uomo e uccise il suo cane. In quel caso ad essere aggredito dall'animale fu il consigliere comunale Germano Fradegrada. Per l'uomo ci furono otto giorni di prognosi.

Cane in quarantena

Adesso il pitbull è a casa del suo padrone, come già detto, e si trova in quarantena.

Sull'indagine in questione c'è comunque il massimo riserbo da parte degli inquirenti. Si tratta comunque di un caso abbastanza delicato. Il padrone del cane chiarirà sicuramente la sua posizione davanti agli investigatori. L'alterco che si è generato immediatamente all'aggressione del pitbull non ha comunque avuto conseguenze degne di nota. Purtroppo le aggressioni di questa razza canina sono improvvise, e avvengono in pochissimi attimi.

Ogni anno, in tutto il mondo, sono diverse le persone che rimangono vittime sia dei propri animali domestici ma anche di proprietà di terze persone. Gli inquirenti comunque mantengono alta l'attenzione su questi fenomeni.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto