Azzano Mella, piccolo comune in provincia di Brescia, è stato teatro di un terribile femminicidio. Nella notte, un 32enne di origine marocchina, Moustafa El Chani, ha ucciso a bastonate la compagna Mara Facchetti, 46 anni, residente nella vicina Brandico. Poi, si è tolto la vita impiccandosi. L'uomo, poco prima, aveva inviato ad un'amica un messaggio Facebook con scritto: "L'ammazzerò".

Il 32enne si è tolto la vita dopo il delitto

Dalla Bassa Bresciana arriva la cronaca di un agghiacciante delitto.

Secondo una prima ricostruzione effettuata dai carabinieri di Verolanuova e dagli uomini della Sezione Investigazioni Scientifiche (SIS) di Brescia, nella tarda serata di ieri, Moustafa El Chani e la compagna Mara Facchetti, hanno lasciato Brandico (dove entrambi risiedevano) e si sono diretti nelle campagne di Azzano Mella a bordo di un'auto. Qui, forse al culmine di una lite, il magrebino ha aggredito brutalmente la compagna e l'ha uccisa a bastonate.

Poi, il 32enne ha abbandonato Mara, agonizzante e priva di sensi in un campo e ha tentato di impiccarsi ad un albero.

Non riuscendoci, ha raggiunto il parco pubblico Azzano D'Italia (distante poco meno di 2 km) dove, legando la corta ad un'altalena per bambini, è riuscito a togliersi la vita. Il corpo dell'uomo è stato trovato intorno alle 8 di questa mattina da un professionista impegnato in un sopralluogo. L'operatore ha subito dato l'allarme e, sul posto, sono giunte le volanti dell'Arma dei Carabinieri. I militari hanno subito collegato il gesto estremo ad alcune segnalazioni giunte in caserma nelle ore precedenti.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Cronaca Nera

L'annuncio su Facebook

Stamattina, all'alba, un agricoltore di Azzano Mella ha chiamato le forze dell'ordine dicendo che lungo via Santa Maria c'era un'auto abbandonata con delle tracce di sangue. Gli inquirenti, dopo aver scoperto che la macchina era intestata ad un parente di Mara Facchetti, hanno avviato le ricerche nelle campagne circostanti. Nel frattempo, intorno alle 6,15, una 36enne amica di Moustafa El Chani si è presentata ai carabinieri dicendo che il marocchino le aveva inviato su Facebook inquietanti messaggi.

In uno di questi, le aveva anche confidato di voler uccidere la compagna.

il corpo ormai senza vita di Mara Facchetti è stato ritrovato poco prima delle 9 di questa mattina. La donna, mamma di una bambina di 5 anni (avuta da una precedente relazione) qualche tempo fa aveva troncato il burrascoso rapporto sentimentale con il 32enne. Forse, ieri sera, i due si erano incontrati per un chiarimento, ma la situazione era poi degenerata. Secondo quanto riportato dal Giornale di Brescia, i Carabinieri, starebbero valutando eventuali responsabilità dell'amica di El Chani, "colpevole" di non aver contattato per tempo le forze dell'ordine.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto