Lo Stato Islamico ha rivendicato l’attacco ai militari italiani [VIDEO] avvenuto domenica 10 novembre. A riferirlo è stato il Site, un’organizzazione di intelligence che monitora le attività terroristiche attraverso internet. Il comunicato di rivendicazione è stato diffuso tramite Amaq, il principale organo di propaganda dell’Isis, in cui si legge che "con l'aiuto di Dio" i soldati del Califfato hanno colpito il mezzo che trasportava esponenti della "coalizione internazionale crociata ed esponenti dell'antiterrorismo peshmerga" con un ordigno che ha causato la distruzione del veicolo e il ferimento dei militari italiani e peshmerga.

Cinque i militari italiani coinvolti nell'attentato

L'attentato, lo ricordiamo, è avvenuto intorno alle 11 locali, a nordest del Paese, nel Kurdistan iracheno. I militari italiani stavano svolgendo un’attività di supporto a forze speciali peshmerga e ne sono rimasti coinvolti cinque, tre dei quali in modo grave (ma nessuno sarebbe in pericolo di vita), mentre gli altri due hanno riportato micro-fratture e lesioni minori.

Il generale Marco Bartolini, ex comandante della Folgore e del contingente italiano in Afghanistan ed ex capo delle forze speciali italiane, ha dichiarato che l’attentato è il rischio che corre chi opera sul campo.

E aggiunge che i militari italiani impegnati in Iraq "sono persone preparate, che sanno quello che fanno e lo fanno con passione". Tuttavia, prosegue, non può essere garantita una sicurezza totale, soprattutto quando si ha a che fare con gli IED (gli esplosivi artigianali).

Nel frattempo la Procura di Roma ha aperto un fascicolo di indagine affidate ai carabinieri del Ros. L’accusa è quella di attentato con finalità di terrorismo e lesioni gravissime.

La presenza militare italiana in Iraq come argine al terrorismo

Dopo una riunione, il Consiglio Supremo di Difesa ha rivendicato l'impegno e l'importanza della presenza delle forze armate in Iraq e in altre "aree di instabilità" come argine al terrorismo.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Politica

L'attacco al contingente italiano, si legge nel comunicato che ha fatto diramare, conferma la pericolosità e la minaccia del terrorismo transnazionale, per l'Italia e per la Comunità Internazionale. Viene quindi ribadita la necessità della presenza italiana nelle principali aree di instabilità e dello sviluppo di strategie comuni finalizzate alla lotta contro questo fenomeno.

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, appena informato dell'attentato, ha espresso la sua solidarietà e la sua vicinanza ai militari italiani, mentre il Ministro per la Difesa, Lorenzo Guerini, ha assicurato di seguire costantemente gli sviluppi dell'attentato.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto