Un incubo durato 45 minuti quello vissuto la scorsa sera, poco dopo le 20 e 30, in via Mannu, a Pozzomaggiore, da un’anziana donna, Liliana Pinna, 81 anni, che è stata picchiata, immobilizzata e minacciata di morte da due malviventi che poi sono stati arrestati dai Carabinieri. Si tratta di Antonello Masia, 32 anni, disoccupato di Pozzomaggiore e il suo complice Costantino Cossu, allevatore di 24 anni, anche lui di Pozzomaggiore, entrambi incensurati. I due – dopo tutte le formalità di rito – sono stati rinchiusi in una cella del carcere sassarese di Bacali, in attesa di essere ascoltati dal magistrato che si occuperà del caso.

La povera donna invece – immediatamente soccorsa dai Carabinieri – è stata accompagnata alla guardia medica del paese, dove le sono stati assegnati 5 giorni di cure. La paura è stata tanta ma fortunatamente il sangue freddo della pensionata – che è riuscita a fuggire da una porta secondaria – ha evitato il peggio. I due banditi – spregiudicati – non si erano infatti accontentati del bottino appena rubato e pretendevano dalla donna denaro e altri gioielli. I Carabinieri fortunatamente sono riusciti a recuperare tutta la refurtiva: circa 2000 euro in contanti e numerosi preziosi di valore. Le indagini dei militari sono comunque ancora in corso, per capire se alla rapina abbiano partecipato altre persone.

Legata e minacciata di morte

Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri della Compagnia di Bonorva – coordinati dal comandante Sebastiano Battino – per i due malviventi entrare in casa della donna è stato un gioco da ragazzi. Dopo essersi travisati con dei passamontagna e dopo aver indossato dei guanti, Antonello Masia e Costantino Cossu hanno raggiunto via Mannu, a Pozzomaggiore, dove vive l’anziana donna. Hanno atteso che un parente dell’81enne – andata a trovarla prima dell’ora di cena - andasse via e poi sono entrati in azione.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Cronaca Nera

Hanno bussato alla porta dell’abitazione della pensionata che – ingenuamente – ha aperto. Da quel momento per lei è iniziato un incubo durato 45 minuti. I due malviventi infatti, dopo aver immobilizzato la donna e dopo averla picchiata e minacciata di morte, hanno iniziato a rovistare in tutta la casa alla ricerca di denaro e oggetti preziosi. Dopo diversi minuti di razzia però i due non erano ancora contenti del bottino. Per questo motivo – secondo quanto ricostruito dagli investigatori dell’Arma – hanno iniziato a minacciare di morte la povera donna e l’hanno obbligata a consegnare loro il bancomat con tanto di pin per poter prelevare.

L’anziana signora – in preda al panico – ha consegnato tutto. Fortunatamente però, approfittando di un momento di distrazione dei banditi – è riuscita a liberarsi e a scappare da una porta secondaria. Una volta in strada si è messa ad urlare: “Aiutatemi, mi hanno appena rapinata. Chiamate i Carabinieri”.

L’arresto dei rapinatori

L’allarme lanciato dalla donna ha fatto scattare la caccia ai rapinatori da parte dei Carabinieri. I militari infatti hanno disposto numerosi posti di blocco in tutti i punti strategici del paese ma anche nei dintorni.

E introno alle 23 il lavoro dei militari ha dato i suoi frutti. Antonello Masia e Costantino Cossu infatti sono stati notati a Thiesi – di fronte allo sportello bancomat del Banco di Sardegna – mentre incappucciati cercavano di prelevare del denaro. I Carabinieri a quel punto si insospettiti e li hanno raggiunti e immobilizzati. Dopo averli riconosciuti, li hanno arrestati e hanno anche recuperato i passamontagna utilizzati per rapinare la donna oltre che i guanti, i gioielli e circa duemila euro in contanti.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto