Ronco all'Adige, piccolo paese in provincia di Verona, piange Chiara (15 anni) Francesca ( 20 anni) e Luca (23 anni). I tre giovani sono morti ieri pomeriggio a Bonavigo (sempre nella Bassa Veronese). L'auto sulla quale viaggiavano si è schiantata contro un albero e per le due sorelle di origine partenopea ed il fidanzato di una di queste (che era alla guida) non c'è stato scampo. Il sindaco Ermanno Gobbi, affranto, ha commentato: "È una tragedia che lascia senza parole".

Lo schianto

Ieri, sabato 7 dicembre, Francesca Mercurio è uscita in macchina con la sorella minore Chiara ed il fidanzato Luca Verdolin: alla guida dell'auto, una Fiat Multipla, c'era il 23enne.

Il ragazzo, però, mentre da Minerbe viaggiava in direzione Albaredo, ha perso il controllo della vettura e, dopo una curva a Bonavigo (all'altezza di via Pilastro), si è schiantato prima contro un grosso albero (un platano) e poi contro il muro di recinzione di un'azienda.

Il terribile incidente è accaduto intorno alle ore 13.20. Sul posto sono giunti subito i carabinieri del nucleo radiomobile di Legnago, la polizia locale dell'Unione Comuni Adige Guà ed i vigili del fuoco. Le squadre di pompieri del distaccamento di Legnago, in particolare, sono intervenute con due mezzi ed hanno dovuto lavorare a lungo - con divaricatori e cesoie idrauliche - per poter estrarre i ragazzi dalle lamiere contorte.

Per Chiara, Francesca e Luca, però, non c'è stato nulla da fare: tutti e tre sono morti sul colpo. Ora, saranno gli uomini dell'Arma a ricostruire l'esatta dinamica dello schianto e ad accertare le cause dell'incidente.

Il dolore di Ronco all'Adige

La notizia della morte dei tre ragazzi, si è subito diffusa a Ronco all'Adige (dove tutti vivevano). Le tre vittime - Luca Verdolin, nato a Verona il 7 luglio del 1996, la fidanzata Francesca Mercurio, nata a Napoli il 3 marzo del 1999, e la sorella di quest'ultima nata, sempre nel capoluogo campano, l'11 agosto 2004 - erano molto conosciuti.

Il sindaco del piccolo comune veronese, Ermanno Gobbi, ha sottolineato che sul tratto di strada dove si è verificato l'incidente si tende a correre troppo e che, per questo, poche centinaia di metri prima del luogo dello scontro è in previsione una rotatoria (il finanziamento è già stato stanziato da Provincia e Comune ed i lavori dovranno essere appaltati nei prossimi mesi). Poi, ha aggiunto che non sa se l'incidente sia stato provocato dall'alta velocità o se si sia trattato di qualcos'altro: "Forse neppure la rotonda avrebbe evitato questo dramma".

Il primo cittadino, scosso per l'accaduto, ha quindi concluso: "Non ci son parole per commentare una tragedia del genere. Tre giovani vite e due famiglie sono ora distrutte dal dolore. In passato, qui, si sono verificati altri incidenti, ma per quello che mi ricordo, non si era mai verificato niente di così grave".

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!