Continuano le ricerche di Mattia Fogarin, il giovane di 21 anni scomparso in circostanze misteriose da Terranegra, rione di Padova, nella notte tra domenica 21 e lunedì 22 marzo. Il ragazzo, che per questioni personali starebbe passando un periodo difficile, avrebbe detto ai genitori di aver fatto "qualcosa a cui non si può porre rimedio" e di "dover andar via". Del caso di cronaca nera si sta occupando anche la trasmissione "Chi l'ha visto?".

La scomparsa di Mattia

Sono giorni di grande apprensione e ansia per i genitori e gli amici di Mattia Fogarin.

Il ragazzo, un barista attualmente disoccupato per via della crisi economica legata all'emergenza Covid, si è allontanato dalla sua abitazione in zona San Gregorio - nel rione Terranegra di Padova - intorno all'una e mezza di notte.

Da quanto si apprende, prima di uscire in fretta e furia, avrebbe svegliato il padre e la madre, con i quali convive, e fuori di sé dall'agitazione avrebbe ripetuto loro che intendeva farla finita in quanto, a suo dire, avrebbe fatto una cosa a cui non poteva porre rimedio. I familiari, però, non sarebbero riusciti a comprendere a cosa facesse riferimento. Stando a quanto spiegato anche dalla trasmissione Chi l'ha visto?, il 21enne avrebbe poi aggiunto: "Se non faccio qualcosa, qualcuno verrà qui a casa".

I genitori, che non non sono riusciti a trattenerlo nella notte tra domenica 21 e lunedì 22, avrebbero comunque parlato a lungo con Mattia, via cellulare.

Il padre, infatti, sarebbe rimasto al telefono con lui per circa 40 minuti e il figlio gli avrebbe spiegato di trovarsi al Parco Iris di Padova, un'area verde di via Forcellini, non troppo lontano da casa.

Il giovane avrebbe poi risposto alle chiamate della madre e della sorella, ma a un certo punto avrebbe interrotto la comunicazione e spento il telefono.

Indagini in corso

I genitori di Mattia, preoccupati, hanno immediatamente presentato denuncia di scomparsa alle forze dell'ordine e, come da protocollo, la macchina delle ricerche si è messa in moto.

Stando a quanto ricostruito, lo smartphone di Mattia, prima di spegnersi, avrebbe agganciato una cella tra il canale di Piovego e Bacchiglione. Proprio qui, nei giorni scorsi, si sono concentrare le operazioni che, per ora, hanno dato esito negativo. Mattia sembra essere sparito nel nulla. Nella giornata di oggi, venerdì 26 marzo, i vigili del fuoco hanno scandagliato nuovamente il letto del fiume mentre i militari della stazione di Padova Principale hanno controllato la zona intorno alla ferrovia e alcuni edifici e casolari abbandonati a Padova e dintorni.

Nelle score ore, la Procura della città veneta ha aperto un fascicolo. Sull’accaduto stanno indagando il sostituto procuratore Marco Brusegan e gli uomini del luogotenente dell'Arma Giovanni Soldano.

I genitori di Mattia non sanno dare una motivazione all'allontanamento del 21enne. "Mio figlio non si è mai comportato in questo modo“ ha dichiarato la madre. "Non so cosa possa averlo spinto a scappare - ha aggiunto - forse una delusione d'amore". Mattia, da quanto emerso, avrebbe trascorso la serata di domenica con un amico. Tuttavia era alquanto abbattuto per un litigio con la fidanzata.

Segui la nostra pagina Facebook!