Sono già passati una decina di giorni dalla scomparsa di Silvana Gandola, la 79enne che soffre di Alzheimer, sparita nel nulla mentre passeggiava con la badante lungo la spiaggia di Torre Vignola, proprio a pochi passi dalla chiesa di San Silverio. La figlia della donna, Laura Rizzi, non ha mai perso le speranze e attraverso l’agenzia Ansa ha lanciato un appello: “Mamma è sparita nel nulla, aiutateci a trovarla, per qualsiasi segnalazione chiamate il numero 079654265”. La scomparsa è avvenuta lo scorso 28 marzo e da allora le ricerche non si sono mai interrotte.

In campo i carabinieri della Compagnia di Tempio Pausania che hanno coordinato le operazioni con la stretta collaborazione dei vigili del fuoco, della protezione civile, dei barracelli, del soccorso alpino e dello squadrone “Cacciatori di Sardegna” dell’Arma. Sono stati anche utilizzati dei cani molecolari che – stando alle prime indiscrezioni - avrebbero trovato una pista. L’anziana signora, vedova da qualche mese, non è autonoma e soffre di una grave forma di sordità. Dopo la scomparsa del marito, avvenuta in Portogallo, Silvana Gandola aveva raggiunto la sua casa in Gallura, in compagnia di una sua assistente. E proprio il 28 marzo, una domenica mattina, come spesso capitava aveva deciso di fare una passeggiata verso il mare.

Le due donne sono uscite di casa per raggiungere la spiaggia e dal quel momento si sono perse le tracce della 79enne.

Le ricerche continuano

Gli investigatori in questi giorni di ricerche hanno cercato di ricostruire le fasi che hanno preceduto la scomparsa di Silvana Gandola ma, almeno per ora, è ancora tutto un grande mistero.

“La mia unica speranza è di trovare mamma ancora viva”. Laura Rizzi, la figlia della donna scomparsa, è un medico anestesista. La donna, che vive fuori dalla Sardegna con la famiglia, non appena avuto la notizia della scomparsa della mamma si è fiondata insieme al marito in Gallura e ha preso parte alle ricerche. “Mia mamma – ha raccontato la donna all’agenzia Ansa – è scomparsa dalla spiaggia proprio il giorno della domenica delle Palme.

Una sparizione assurda – sottolinea – anche perché la spiaggia di San Silverio, tra Vignola e Portobello, la conosce molto bene”. La donna non si da pace e in questi giorni ha girato tutto in nord della Sardegna e ha distribuito volantini con la foto della mamma. Tutto questo per diffondere il più possibile l’immagine del genitore che, magari, potrebbe essere stato visto da qualcuno che proprio quel giorno si trovava nella zona.

Possibili itinerari

La figlia di Silvana Gandola è convinta che la madre possa aver raggiunto a piedi la strada provinciale 90. Quella insomma che poi porta a Badesi. L’anziana signora, che avrebbe anche problemi di memoria breve, secondo il medico “potrebbe aver pensato di raggiungere qualche porto o aeroporto – sottolinea il medico – magari per raggiungere il Piemonte e poi Torino.

Per lei – conclude la donna – ogni strada è aperta”. L’appello della figlia è disperato: “Chiedo a chiunque abbia anche un’informazione anche banale di contattarci – chiede la donna – per noi qualsiasi notizia potrebbe essere importantissima. Mia madre non è una persona autonoma – conclude – ha bisogno di assistenza e non è in grado di muoversi bene. Spero con tutto il cuore di ritrovarla ancora viva”.

Segui la nostra pagina Facebook!