2

Ciò che spinge a provare questa ricetta è una cosa di non poco conto: è perfetta per chi sia in giorno off, cioè per chi oggi prende una pausa dai propri allenamenti, e che quindi ha i carboidrati contati. Protagonista di questo piatto ideale per pranzo o cena è infatti la pasta fillo. Oltre ad essere assolutamente priva di grassi, la sua particolare lavorazione così sottile consentirà di preparare un intero pasto con una quantità ottimale di carboidrati.

Origini

Il nome deriva dal greco φύλλο, che significa “foglia”, dal momento che è tanto sottile da potersi paragonare a quest’ultima. Si tratta di una varietà di pasta sfoglia la cui lavorazione richiede molta maestria.

Per tale motivo non è affatto semplice improvvisarne una in casa. È costituita per il 40% d’acqua e per il restante 60% da farina (ovviamente raffinata, ché una integrale, data la granulosità, sarebbe assai difficile da ridurre in fogli così sottili) detti anche “veli di pasta”. Nella preparazione artigianale della pasta fillo, dopo aver ottenuto un panetto dall’impasto di acqua e farina, questo viene per l’appunto ridotto in fogli sottilissimi che vengono sovrapposti alternandoli con veli di cotone perché ne possano assorbire l’umidità. Solitamente viene utilizzata fritta (è l’involucro degli involtini primavera che si possono gustare in tutti i ristoranti cinesi) o cotta in forno.

Per consistenza e spessore, somiglia tantissimo alla carta da forno. Come indicato dalla confezione stessa, sarebbe preferibile lavorarla dopo averla inumidita con dell’acqua o dell’olio, poiché potrebbe sbriciolarsi.

I migliori video del giorno

Per apprezzarne tutta la croccantezza, si possono sovrapporre ben 4 fogli di pasta. Oltre che essere assai scenografica, non si resisterà ad addentarla.

La ricetta

Fit lasagna vegetariana di pasta fillo alle #verdure e parmigiano

Occorrente:

  • 1 pirofila di vetro (preferibilmente, ma si possono utilizzare anche le normali teglie, purché oliate o foderate con carta da forno)

Ingredienti (per 4 persone):

  • 1 confezione di pasta fillo
  • 1 kg di zucchine
  • 500 gr di cipolle rosse (o altro tipo, a discrezione di chi cucina)
  • 200 gr di parmigiano (o grana. Per quanto riguarda la dose, è possibile anche aggiungerne di più, in base ai macronutrienti di ciascuno)

Nota bene: si può notare come tra gli ingredienti non compaiano né sale né olio. Questo perché il parmigiano è molto saporito di per sé e conferisce una buona sapidità al piatto. Inoltre esso è un formaggio abbastanza grasso, ma vanta anche un buon apporto proteico rispetto ai grassi che presenta.

Macro:

  • per una porzione (1/4 di teglia): 30 g proteine – 80 g carboidrati – 14 g grassi

Preparazione

Come prima cosa, pulire e lavare le cipolle.

Tagliarle in modo tale che non ne vengano pezzi troppo grossi. Metterle in una pentola abbastanza capiente da contenere sia le cipolle sia le zucchine. Dopodiché pulire e lavare le zucchine. Tagliarle a rondelle ed aggiungerle alle cipolle nella pentola. Mescolare bene. Aggiungere 1 bicchiere d’acqua scarso per evitare che possano attaccarsi sul fondo. Zucchine e cipolle rilasceranno molta acqua in cottura per cui non ci sarà bisogno di aggiungerne dell’altra. Chiudere la pentola con il coperchio e accendere a fiamma media. Lasciare cuocere mescolando di tanto in tanto. Preriscaldare adesso il forno a 140 °C. Quando il condimento sarà pronto, prendere la confezione di pasta fillo. Aprirla ed estrarre la pasta delicatamente. Prendere la pirofila e foderarla con il primo strato di pasta fillo. In base alla quantità di fogli di pasta contenuti nella confezione acquistata, regolarsi per quanti strati ottenere. È possibile utilizzarne 2 per il primo strato, in modo che sia consistente e croccante, e che il condimento non scivoli via. Aggiungere le verdure coprendo per bene lo strato di pasta perché tutto sia inumidito, dopodiché cospargere con il parmigiano. Sovrapporre in seguito il successivo foglio di pasta (questa volta uno solo, ma sempre piegato in 2), ricoprire nuovamente con le verdure ed il parmigiano e procedere così fino ad utilizzare gli ingredienti. Per l’ultimo strato il consiglio è di utilizzare nuovamente 2 fogli e cospargere con il parmigiano. Infornare alzando la temperatura a 180 °C e lasciare cuocere per non più di un quarto d’ora. Dopo i primi 5 minuti è probabile che si debba coprire la pirofila con un foglio di carta d’alluminio per evitare che si bruci la “simil lasagna”.Sfornare, lasciare intiepidire e servire.