Il cantante di Minneapolis Prince Rogers Nelson, conosciuto come Prince, trovato morto il 21 Aprile 2016 nell'ascensore dei suoi studi, secondo i media Americani soffriva di AIDS. L'autore di brani rimasti nella storia, come "Purple Rain", "Kiss" e di "Nothing Compares 2 U","aveva l'Aids e si stava preparando a morire".

La rivelazione

La rivelazione esclusiva, avvenuta a pochi giorni dalla controversa morte, giunta a 57 anni, del genio di Minneapolis, proviene dal National Enquirer che citatalefonte come proveniente dell'ambiente discografico.

Il nome della stessa rimane, però, anonimo. Secondo le indiscrezioni raccolte, il cantante era in pessimecondizioni di salute: "I dottori gli avevano detto che il suo emocromo era insolitamente basso e che la sua temperatura corporea era scesa pericolosamente. Era totalmente carente di ferro ed era spesso debolissimo e disorientato. Mangiava raramente e non riusciva a trattenere il cibo".

Le possibili cause della morte

Nei giorni successivi al decesso del cantante sono state proposte numerose ipotesi riguardanti la causa.

Jim Olson, lo sceriffo della contea di Carver,ha escluso fin da subito che si sia trattato di un suicidio, rumour inizialmente circolato nell'ambiente dei media. E' stato dichiarato, inoltre, che nel momento della morte non sono stati ritrovati sul corpo dell'artista segni di traumi evidenti.“Non ci sono ragioni di credere a questo punto che si sia trattato di un suicidio– ha affermatoOlson, ribadendodi voler mantenere, contemporaneamente all'inchiesta, modalità diatteggiamento che rispettino la privacy e la dignità di un artista che,“in vita è stato molto riservato”.

Secondo ilsito di gossip Tmz, invece, la causa della morte di Prince sarebbe stata una dose eccessiva di un antidolorifico oppiaceo.

I risultati definitivi dell'autopsia, che potranno sciogliere i dubbi sulle indiscrezioni trapelate, saranno disponibili a fine maggio.

I funerali del "Folletto di Minneapolis" sono stati svolti in forma privata. Successivamente, l'artista del pop è stato cremato.

Segui la nostra pagina Facebook!