Torna dal 2 al 22 settembre  MiTo Settembremusica, il festival che propone 160 concerti tra Torino e Milano. Tema del 2016 sarà ‘Padri e figli’, per sottolineare la volontà di proporre la grande tradizione del passato guardando a un pubblico più giovane e alla musica del futuro. Gli appuntamenti sono 80 per ciascuna delle due città. In programma ci sono i brani di 112 compositori viventi, con tre partiture commissionate appositamente, otto prime esecuzioni, due prime europee e quattro nazionali. Per permettere a tutti di avvicinarsi al mondo della musica classica, ogni evento prevede introduzioni e guide all’ascolto.

Inaugurazione con la London Symphony

Per l’appuntamento inaugurale del 2 settembre è attesa al teatro Regio di Torino con la London Symphony Orchestra diretta da Gianandrea Noseda, nominato direttore ospite.

In programma ‘Debussy recasted’. La figura del grande compositore francese sarà riscoperta grazie all’accostamento di un capolavoro come La Mer con la prima esecuzione nazionale di cinque dei suoi Préludes per pianoforte, trascritti per orchestra da Nikos Christodoulou, e alla Seconda Sinfonia di Rachmaninov, nata in quegli anni.  

Musica per i più piccoli

Pensando proprio a ‘Padri e Figli’, sono previsti anche spettacoli per i bambini. Il 3 settembre a Milano e il 4 settembre a Torino andrà in scena ‘Glimp’, con l’olandese Oorkaan Ensemble, per un pubblico dai 2 ai 4 anni. Il pubblico viene trasportato in un mondo magico, con musica, immagini e nuove tecnologie. E’ risultato migliore produzione dell’anno e migliore piccolo ensemble agli Young Audience Musica Awards 2015.

Il festival che dà voce al pubblico

Il 10 settembre a Milano e il giorno dopo a Torino è in programma un evento che coinvolgerà il pubblico.

I migliori video del giorno

Dopo due giorni dedicati alle esibizioni di trenta cori da tutta Italia, in piazza Duomo e in piazza San Carlo saranno distribuite (gratuitamente) partiture ai presenti che potranno mescolarsi ai musicisti e diventare cantori per una sera. Sul palco ci sarà, in veste di guida, il Coro Giovanile Italiano diretto da Michael Gohl.