Lo si attendeva da mesi (qualche bene informato aveva già diffuso la notizia), e da anni si sperava che i due incidessero un bis di quel loro cd campione italiano di incassi, targato 1998. Ora, finalmente, ci siamo. E' uscito oggi il nuovo fiammante singolo delle voci più blasonate d'Italia, vale a dire quelle di Mina e Adriano celentano, di nuovo artisticamente insieme. Entrambi ultrasettantenni eppure sempre forti, formidabili, seduttivi, in perfetta simbiosi, Mina e Celentano aprono il via al loro nuovo disco, che si intitolerà "Le migliori", con un brano firmato dall'israeliano Idan Raichel, che accompagna il duo con un mirabile assolo di fisarmonica all'interno della canzone.

"Amami amami", questo il titolo della canzone è in realtà il remake in italiano del brano che Raichel aveva già inciso nella sua lingua col titolo di  "Ma'agalim". Bravissimo Raichel, così pienamente calato nelle atmosfere musicali della tradizione ebraica, e tuttavia così felicemente dialogante con quelle della tradizione palestinese e, più generalmente, araba. Un sound melodico mai retorico, sempre sostenuto da una sezione ritmica di primissimo livello. Il suo assolo di fisarmonica nella versione israeliana diventa, in quella italiana di Mina e Celentano, un efficace omaggio alla "Storia d'amore" del Molleggiato. E il suo virtuosismo evoca - sia pure da tutt'altre latitudini - quello indimenticabile e imperdibile che il sax di Phil Woods dipingeva nella "Just the way you are" di Billy Joel: non un semplice intermezzo strumentale, cioè, ma una terza voce dialogante e interagente con le altre due.

I migliori video del giorno

  

E Mina e Celentano, da grandi artisti quali sono sempre stati (e - se possibile - diventano ogni volta di più), conferiscono al brano quel colore unico, magico, pieno, che mancava ad una pur bella canzone (di certo non la più significativa nell'ampio repertorio di Raichel). Ma ce ne siamo resi conto solo dopo avere ascoltato la loro versione.

Ecco la grandezza di questi nostri due artisti: non violentano mai i brani che cantano o ricantano. Semplicemente (come se fosse la cosa più semplice di questo mondo... e invece è l'esatto contrario...) imprimono la propria pennellata di grazia con assoluta nonchalance. Fantastici. 

"Le migliori", che vedrà la luce l'11 novembre, conterrà una ventina di brani di cui la maggior parte inediti - non esclusivamente in duetto - e alcuni grandi successi rivisitati. Non resta difficile intuire che sarà il disco più di successo dell'anno. E che la lezione di questi maestri rimane ancora insuperabile.