Anche quest'anno si terrà l'atteso Torino Film Festival, la 34° edizione si svolgerà dal 18 al 26 novembre, avverrà in collaborazione della Fondazione Carlo Mono onlus, di Cultura Accessibile e Sub- Ti Access, che permetterà ai partecipanti della manifestazione di assistere alla visione di un film che anche le persone con disabilità sensoriali e cognitive, o limitazioni culturali e linguistiche potranno vedere.

A detta del guest director di nirvana, Gabriel Salvatores, si rivelerà un grande "atto di civiltà" e un'importante occasione per allargare il target del pubblico del festival, ma sopratutto sarà un'occasione di ampliamento culturale, artistico e educativo.

Grazie all'importante intervento della Film Commission Torino Piemonte, si offriranno i servizi di sottotitolazione e audiodescrizione, che oltretutto si affiancheranno all'ampio programma del Museo Nazionale del Cinema.

Il film diretto da Gabriel Salvatores uscì nel 1997, di genere fantascientifico con qualche sfumatura punk, con effetti speciali realizzati da computer e realizzato tramite un coproduzione italo-francese.

La storia ha inizio con la copia di un videogioco che fra pochi giorni uscirà sul mercato, ma verrà infettata da un virus che gli provocherà strani effetti. Infatti il personaggio del videogioco, Solo, si metterà in contatto col programmatore Jimmi, dopo essere stato vittima di una crisi d'identità, ma quando Jimmi gli rivela la verità vorrà solo essere cancellato, per evitare di essere duplicato in futuro in altre milioni di copie.

I migliori video del giorno

Il programmatore cercherà d'introdursi nei sistemi della Okosama Starr, nei cui hard drive c'è la versione originale del gioco. Mescolato a problemi di cuore e nuove conoscienze sia positive che meno, la storia si rivelerà sempre più avvincente e colma di colpi di scena.

Verrà messo in onda sabato 26 novembre alle ore 14.30 nella Sala del Cinema Massimo di Torino. Il prezzo del biglietto per la proiezione sarà di 5.00 euro, e sarà incluso nella seconda parte della retrospettiva "Cose che verranno".