Alla 34° edizione del Film Festival di Torino che si svolgerà dal 18 al 26 Novembre, sarà presentato "i figli della notte” opera d’esordio di Andrea De Sica, nipote dello straordinario Vittorio De Sica e figlio di Manuel. Questo film rappresenta il suo primo ed importante lungometraggio. Ha lavorato come assistente alla regia con Bernardo Bertolucci, Ferzan Ozpetek, Vincenzo Marra Daniele Vicari. Autore e regista inoltre di diversi corti e documentari, tra cui “L’esame”, proiettato e fatto conoscere in differenti festival in tutto il mondo; si è occupato anche di televisione ideando “Mia and Me”: serie televisiva prodotta da Rainbow Entertainment.

I figli della notte” è l'unico film italiano in concorso al 34° Film Festival di Torino. Speriamo si faccia onore e possa portare a casa buoni risultati e consensi della critica e pubblico.

Il film racconta una storia di un gruppo di adolescenti che si avvicinano all'età adulta, con tutte le conseguenze che questo cambiamento comporta. La narrazione è ambientata tra le montagne dell’Alto Adige, dove si trova un collegio per i figli della classe dirigente. Si tratta di una vera e propria prigione d’orata dove si respira una forte repressione. I giovani riescono a vincere le difficoltà della scuola grazie ai loro legami di amicizia e alle fughe notturne in una casa nel bosco (un nightclub) in cui si nascondono piaceri proibiti. Una scoperta improvvisa cambierà il corso della storia.

I migliori video del giorno

Il primo lungometraggio di Andrea De Sica è una favola nera che mette insieme atmosfere horror, caratteri autoriali, analisi politica e postmoderno. Un esordio particolare ed ambizioso, che spazia tra le fiabe dei Grimm e il Cinema di Bellocchio e Lynch. Lo stesso regista afferma che si tratti di :"Una sorta di favola nera ispirata ai miei anni di liceo".

De Sica sottolinea inoltre che la situazione estrema di un collegio per giovani di illustri famiglie è stata la chiave che ha scelto per affrontare uno dei sentimenti più forti che un adolescente possa provare: l’abbandono. La scuola è nel film l’incarnazione, dei problemi relazionali tra genitori e figli nel passaggio dall’infanzia all’età adulta.

Il film sarà proiettato alla stampa il 22 Novembre.