Le discipline dell' hip hop, come sa bene qualunque appassionato, sono quattro: djing, writing, breaking e MCing. Sicuramente lo sa bene anche Emis Killa: tuttavia nel suo libro del 2014 'Bus 323', è presente un grave errore, che lui stesso ha definito 'clamoroso', relativamente alle storiche quattro discipline. Nel testo il rapper di Vimercate ha infatti descritto il beatboxing – ovvero l'arte di produrre suoni di batterie elettroniche, percussioni e altri strumenti, attraverso l'utilizzo della bocca e della voce – come una delle discipline Hip Hop.

I motivi dell'errore

Ospite di Wad Caporosso negli studi di Hip Hop TV, l'autore di 'Terza Stagione' ha svelato per la prima volta al pubblico come sia stato possibile un errore così banale e grossolano.

Il rapper ha confessato di non aver letteralmente scritto il suo libro, ammettendo di averlo realizzato con l'ausilio di un'altra persona che registrava e successivamente trascriveva ciò che le veniva raccontato. La clamorosa gaffe presente in 'Bus 323' sarebbe quindi frutto di un banale errore di trascrizione, un fraintendimento che Emis Killa – come lui stesso ha ammesso – avrebbe potuto tranquillamente evitare, semplicemente controllando il testo prima della pubblicazione.

Le parole di Emis Killa

'Colgo l'occasione per dirlo in televisione. L'altro giorno ho riletto il mio libro, non l'avevo mai letto tutto dall'inizio alla fine. Il libro non l'ho scritto di mano mia, c'era uno con il registratore che trascriveva quello che dicevo. C'è un errore clamoroso di trascrizione. Quando il tipo mi dice 'Ma dimmi dell' Hip Hop', e io gli spiego le quattro discipline, poi gli dico che oltre ai graffiti, alla break, c'è la quinta disciplina che dicono sia il beatbox, che in realtà non è proprio una disciplina.

I migliori video del giorno

E invece lì cosa succede ? C'è il capitolo che inizia con 'Non voglio darvi una lezione, ma per chi lo volesse sapere le quattro discipline sono l' mc, la break dance, i graffiti e il beatbox.' Con queste parole il rapper di Vimercate ha spiegato, senza cercare particolari giustificazioni, la natura di questa incredibile gaffe.