Continuano a susseguirsi le voci per la realizzazione del biopic sulla vita del leader dei Queen Freddie Mercury, di cui quest'anno ricorrono i 25 anni dalla scomparsa. Una storia travagliata quella della realizzazione del film sulla vita dell'artista, che si sussegue ormai da oltre tre anni.

Il film, nasce da un'idea di Brian May e  Roger Tylor, rispettivamente chitarrista e batterista della band britannica, mentre ha visto immediatamente defilarsi il bassista John Deacon, che pur rimanendo socio di capitale della band ha abbandonato il mondo della Musica da molto tempo. Pare comunque che Deacon abbia dato il suo assenso al progetto.

Il primo nucleo del progetto e le prime problematiche

Il film dunque, che venne progettato nell'ormai lontano 2013 per vedere la luce nel periodo di Natale, si sarebbe dovuto incentrare non solo sulla vita di Mercury da cui verrebbe esclusa la lotta del frontman contro l' AIDS ma su tutta la band. La scrittura venne affidata a Peter Nixon mentre gli stessi Queen figuravano tra i produttori.

Naturalmente, grande attesa ha ricoperto la scelta del cast e in particolare su chi avrebbe dovuto interpretare il carismatico singer della band. Scelta inizialmente ricaduta su Sacha Baron Cohen.  L'istrionico attore, interprete di Borat, il dittatore, Ali G e Bruno, aveva dalla sua anche una certa somiglianza con il cantante nativo di Zanzibar. Il progetto sembrava dunque proseguire a gonfie vele fino all'improvvisa uscita dello stesso Cohen dal cast.

I migliori video del giorno

Questa venne motivata da divergenze inconciliabili tra lo stesso attore e i membri dei Queen.

A cosa si riferiva in particolare Cohen? Sembra che intenzione della band fosse quella di incentrare la seconda parte del film sulla vita della band dopo la morte di Mercury, mentre l'attore avrebbe voluto concentrarsi di più sulla sua vita, approfondendo magari quei lati oscuri e di vita folleggiante e dissipata che riguardavano il cantante.

Il dopo Cohen

Dopo l'uscita di Baron Cohen dal cast, l'idea del film non si è di certo arrestata. Anzi c'è stata una riscrittura totale del copione affidata a Antony McCarten, già impegnato ne La teoria del tutto, film sulla vita di Stephen Hawking. Per il ruolo del protagonista invece si parlava di Ben Whishaw, già visto varie volte in film sulla saga di 007 con Dexter Fletcher alla regia. Le riprese sarebbero dovute iniziare a gennaio 2016, ma invece così non è stato. E' infatti di queste ore la notizia che il ruolo di Freddie Mercury è stato affidato a Rami Malek, attore noto agli amanti delle serie tv per il ruolo del protagonista Elliot Alderson nel telefilm Mr. Robot, mentre per la regia è stato scelto Bryan Singer, già regista de I Soliti Sospetti del 1995. La saga di Bohemian Rhapsody, questo il titolo del film, continua.