Risultati clamorosi arrivano nell'ultimo fine settimana per quanto riguarda il Box-office. Chi si aspettava, infatti, una facile vittoria per Doctor Strange, il nuovo film della Marvel Studios presentato in pompa magna, è rimasto ampiamente deluso in quanto a dominare il botteghino è stato, a sorpresa, La ragazza del treno di Tate Taylor. Il film con Emily Blunt, tratto dall'acclamato best seller di Paula Hawkins, ha incassato ben 1.6 milioni di euro in quattro giorni, dato impreziosito dalla migliore media per sala di circa 4.400 euro.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cinema

Un risultato enorme che è valso il sorpasso sul ben più quotato cinecomic e sorprendente, se si considera la non facile fruizione del film e la concorrenza rappresentata da commedie e film d'animazione che potenzialmente richiamano un maggior numero di spettatori.

I risultati degli altri film

In seconda posizione, come detto, troviamo dunque il dottore dai super poteri interpretato da Benedict Cumberbatch e diretto da Scott Derrickson, regista proveniente dal mondo dell'horror e alla sua grande occasione per fare il definitivo salto di qualità. Doctor Strange porta a casa comunque un risultato onorevole totalizzando 1.5 milioni di euro con un incasso totale di 5.4 milioni che si appresta a minacciare quello ottenuto all'epoca da 'I guardiani della galassia'.        Ottimo risultato anche per Pif che con il suo In guerra per amore totalizza 900 mila euro, seguito a breve distanza da Trolls che si ferma a 895 mila. Nelle retrovie troviamo poi la nuova commedia con Vincenzo Salemme Non si ruba a casa dei ladri con quasi 900 mila euro in quattro giorni, Inferno e i suoi 682 mila e Ouija - le origini del male, horror targato BlumHouse e Michela Bay, con un incasso di 218 mila euro.

I migliori video del giorno

Va però specificato che questi ultimi due titoli sono in sala da diverse settimane.

Le delusioni

Come ogni classifica che si rispetti non possono mancare le delusioni rappresentate da Sausage Party, che paga il fatto di essere un film d'animazione assolutamente non per bambini, con 363 mila euro, 7 minuti Kubo e la spada magica che hanno incassato rispettivamente 318 mila euro e 295 mila euro.