Mentre la città tedesca si prepara ad ospitare l'importante mostra cinematografica che si concluderà con l'assegnazione del prestigioso Orso d'Oro, è stato scelto il film di apertura della manifestazione.

Django

E' l'opera prima, come regista, di Etienne Comar, noto finora come grande sceneggiatore. Va peraltro ricordato che nel 2011 venne inserito da L'Express tra i 20 personaggi più importanti del panorama cinematografico francese.

La scelta dell'interprete principale è caduta su Reda Kateb, che abbiamo già visto interpretare film come Il profeta, Tutto sua madre, Parigi Countdown, Last River, Far From Men, quest'ultimo in concorso al Festival del Cinema di Venezia del 2014 e interpretato assieme a Viggo Mortensen.

Il film Django è in concorso al Festival del cinema di Berlino e viene presentato in anteprima mondiale.

Nel cast anche Alex Brendemühl, Ulrich Brandhoff, Cécile de France, che è la bellissima Sofia Dubois di The Young Pope, di Paolo Sorrentino.

Il film di Comar parte da una storia vera, intensa, intrisa di sofferenza ma anche di grandi slanci emotivi e artistici, cosparsa di tenacia e di grande dedizione alla musica.

Django Reinhardt, interpretato da Reda Kateb, è stato un grande chitarrista e compositore. Nel film si parla soprattutto del viaggio del musicista a Parigi, nel 1943, in una città occupata dai nazisti.

Django riuscì più che mai ad emozionare gente ormai sconvolta interiormente dalla guerra, pur essendo a propria volta distrutto dal dolore di sapere che la sua famiglia, di origine Sinti, era immersa nella persecuzione hitleriana.

I migliori video del giorno

La sua forza d'animo e la sua tenacia gli permisero di proseguire nell'attività musicale che lo condusse a divenire uno dei più importanti jazzisti europei, oltre ad affermarsi come il vero è proprio padre dello swing tzigano.

La colonna sonora del film presentato al Festival di Berlino è stata incisa grazie anche al supporto speciale di una nota jazz band dei Paesi Bassi, la Rosenberg Trio.

Ricordiamo peraltro che Django è ritenuto un mostro sacro del jazz, amato anche dal grande Woody Allen.

Il musicista era nato in Belgio il 23 gennaio 1910, e in occasione dell'anniversario della sua nascita al Teatro San Giuseppe di Torino si terrà in suo onore un concerto speciale, organizzato dall'Associazione Jazz Manouche Django Reinhardt, che si occupa di un particolare stile di jazz, il manouche.

Possiamo quindi vedere che il musicista, deceduto nel lontano 1953, il 16 maggio per l'esattezza, possiede tuttora una nutrita schiera di fan e seguaci, molti dei quali presenti proprio nel nostro Paese.