La star britannica rebecca ferguson, che da poco ha pubblicato il suo quarto album, "Superwoman", è stata invitata a cantare alla cerimonia di insediamento del nuovo presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. L'artista ha dichiarato che accetterà solo a condizione di cantare "Strange Fruits", lo storico inno contro il razzismo, interpretato per la prima volta nel 1939 da Billie Holiday. Il testo della canzone descrive in maniera cruda i linciaggi perpetrati nei confronti dei neri afro-americani dal 1889 fino al 1940 nel sud degli Stati Uniti; ecco una delle frasi più struggenti: "Gli alberi del Sud producono strani frutti, sangue sulle foglie e sangue sulle radici, corpi neri oscillano nella brezza del Sud, strani frutti appesi agli alberi di pioppo".

Pubblicità
Pubblicità

Ora tocca a Trump decidere se accettare o meno le condizioni della cantante, oppure se collezionare un altro no dopo quelli di Elton John e Andrea Bocelli.

La Ferguson, una delle più belle voci del panorama musicale internazionale, in questo periodo è impegnata per la promozione dell’album appena uscito, anticipato a settembre dal singolo "Bones", una cover del 2013 interpretata da Ginny Blackmore, reso più R’n’B e meno ballad dalla voce graffiante di Rebecca Ferguson.

Rebecca Ferguson canterà alla cerimonia d'insediamento di Donald Trump?
Rebecca Ferguson canterà alla cerimonia d'insediamento di Donald Trump?

Gli altri brani del disco sono stati realizzati in studio con i produttori più gettonati del momento: parliamo di Troy Miller (Amy Winehouse), Jonny Lattimer (Ellie Goulding), Negin Djafari (Miley Cyrus) ed Eg White (Adele). La cantante ha descritto così il suo lavoro: "È un album sincero e complesso dal punto di vista emotivo, mi sono sentita sicura mentre lo scrivevo. È l’album più personale che io abbia mai pubblicato e mi ha portato a una fase della vita in cui mi sento più forte.

Pubblicità

L’ho intitolato 'Superwoman' perché mi ha insegnato ad abbracciare la mia vulnerabilità e ad accettarla come un punto di forza".

Dunque la Ferguson, dal successo agli esordi con X-Factor e dopo 4 album, ritiene di aver raggiunto una certa maturità che le consente di raggiungere i traguardi sperati, con pubblico e critica a suo favore, puntando dritta alla vetta delle classifiche di tutto il mondo.

In Italia, a Natale, l’abbiamo vista in prima serata a Canale 5 nel "Concerto di Natale", nella splendida cornice dell’Auditorium Conciliazione di Roma, dove ha cantato il suo cavallo di battaglia "Glitter & Gold", mentre si parla con sempre maggiore insistenza della preparazione di un concerto nel nostro paese.

Leggi tutto e guarda il video