E' una fusione di diversi generi cinematografici il nuovo film di M. Night Shyamaian, regista de 'Il Sesto Senso'. Descrive il suo nono film come l'insieme di sovrannaturale, horror, supereroi, thriller-medico e di dramma psicologico. La pellicola sta sbancando negli Stati Uniti avendo incassato, solo nel primo week-end di proiezione, 40 milioni e 190 mila dollari.

Presto anche nelle sale italiane il film che ha fatto la quarta migliore apertura di sempre, a gennaio. scalando il box office americano con, in seconda posizione l'altra new entry 'XXX: il ritorno di Xander Cage' con Vin Diesel e un totale di 20 milioni di dollari.

Perno attorno al quale gira il film split è la DDI, ovvero 'disturbo dissociativo di identità', patologia che porta a far convivere, in uno medesimo individuo, più personalità allo stesso tempo. Sono ben ventitré le indoli che si alternano in Kevi (James McAvory), uomo, donna e bambino, gentile e violento.

Il film dalle molteplici facce è stato, da subito, un successo ben gradito per il regista indiano che non ne aveva avuto in film precedenti come 'Lady in the Water' e 'After Earth'.

Betty Buckley è la dottoressa Fletcher, studiosa e psicologa di Kevi, convinta che dietro questa malattia vi sia l'opportunità di comprendere e superare la cognizione umana. La donna è convinta che non vi sia solo cattiveria in questa patologia ma Kevi sembra dimostrare il contrario rapendo tre ragazzine e rinchiudendole in una casa.

I migliori video del giorno

Casey, Clare e Marcia dovranno solo poter sperare che una di quelle ventitré personalità a cui assisteranno le aiuterà a fuggire.

Il finale è spiazzante, tipico di M. Night Shyamaian il quale, in un'intervista, dichiara che Split sia lo spin-off di 'Unbreakable-Il Predestinato'. A quanto pare, in Unbreakable, c'erano venti pagine sul personaggio di McAvory prima di essere definitivamente eliminato. Tutte le pagine sono poi state inserite in Split. Il regista ha voluto creare un sequel senza far capire, fino alla fine, che si trattasse di un continuo.

A distanza di poco tempo dall'uscita di Split, si parla già di un sequel di quest'ultimo.