Erano in 220 mila sabato sera, al parco Enzo Ferrari, nel centro di Modena. A radunare tante persone, di ogni età e da ogni parte di Italia, è stato Vasco Rossi che ha tenuto [VIDEO]un concerto di tre ore e mezza, per festeggiare i suoi 40 anni di carriera.

Il concerto dei record

Con 220 mila biglietti venduti, l'evento al modena park è il concerto con più persone paganti al mondo per un singolo artista. Il palco era alto come un palazzo di otto piani e largo 130 metri e all'evento hanno lavorato, da maggio a sabato sera, 5.500 addetti.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Vasco Rossi

44 mila i posti auto previsti nei dintorni dell'area concerto, i più vicini a due chilometri di distanza, a causa delle transenne che hanno chiuso il centro di Modena, rendendolo pedonale per tutta la durata dell'evento.

Sotto il palco, a riprendere l'evento erano posizionate 26 telecamere, tra cui anche una del 1977, voluta da Vasco, per festeggiare i 40 anni di carriera.

Tutto il Komandante (?) in una notte

Ha aperto il concerto, [VIDEO] alle 21.00, cantando Colpa d'Alfredo, composta nel 1980, continuando con una serie di canzoni degli anni Ottanta: Alibi, Ieri ho sgozzato mio figlio, La combriccola del Blasco, Liberi liberi e il medley musicale di T'immagini, Mi piaci perché e Delusa. Il Blasco è passato poi a ripercorrere gli anni Novanta, con Senza parole, L'una per te, Sballi ravvicinati del terzo tipo e Vivere, fino ad arrivare ai suoi due ultimi successi: Un mondo migliore e Come nelle favole. Non sono ovviamente mancati i brani "irrinunciabili" del Komandante, da Rewind, con tanto di reggiseni lanciati verso il palco, Stupendo, Vita spericolata, Un senso, Siamo solo noi e Albachiara, come sempre brano di chiusura.

Due i momenti più spettacolari ed emozionanti della serata. All'inizio, il medley, insieme a Gaetano Curreri, che l'ha accompagnato con pianoforte, con Jenny, Silvia, La nostra relazione e Anima fragile. Infine, ha lasciato senza fiato la chiusura del concerto, alle 00.30, con i fuochi d'artificio che, complice l'atmosfera e le note di Albachiara, hanno regalato un'emozione che resterà per sempre nei cuori di chi, al concerto dei record, era presente.

Contro la paura

"Voi non avete avuto paura": così ai 220 mila fan Vasco Rossi esprime l'intento di sfidare, con il suo evento, la paura che il terrorismo vuole seminare. Ha dimostrato che non riusciranno a chiuderci in casa e a farci rinunciare alle nostre libertà. Ha dimostrato che C'è chi dice no, chi non la dà vinta a coloro che ci vogliono terrorizzati e impietriti dal rischio di un attentato. Ha dimostrato che Un mondo migliore può esistere e che "il mondo migliore siete voi". Ha urlato, convinto, che "ce la farete tutti". Non è stato solo un grande evento, che ha radunato bambini, ragazzi e persone di mezza età, tutti lì per il loro Komandante. Ma è stato anche, e forse soprattutto, un pezzettino di storia, che ha dimostrato e che ci ricorderà che niente può farci tanta paura da impedirci di vivere Come nelle favole.