3

Facce! Ci sono facce che possono parlare di una storia, altre talmente espressive da poter raccontare un libro intero ed altre ancora in cui l'anima pungente sembra plasmare dall'interno lineamenti, espressione e modo di fare vedere la propria faccia, appunto, al mondo. Alice Cooper "è" certamente una faccia particolare, la cui personalità prevarica persino la sua musica. Vien da pensare che nell'esperienza discografica degli Hollywood Vampires con Johnny Depp e Joe Perry, non ci fosse nessun altro cantante che potesse recitare il ruolo di frontman meglio di lui, in un supergruppo tanto particolare.

Jesus Christ Superstar

Nel musical che ha fatto la storia del rock, Alice Cooper e soprattutto la faccia di Alice Cooper, non potevano certo essere legati all'elegante protagonista mentre il cupo re Erode sembra un personaggio ritagliato addosso al cantante dei vampiri di Hollywood da un sarto di finissima qualità.

Jesus Christ Superstar è un'opera corale, ma i solisti ricamano le tessiture che tengono legate le varie parti della storia e certamente Mr. Cooper rientra in questa stretta cerchia. In questa produzione NBC, che sarà trasmessa la Domenica di Pasqua, convince l'interprete per il ruolo di Gesù ed in questo caso la scelta premia un altro grande della musica internazionale, l'atteggiamento è certamente meno rock così come l'apparenza, molto lontana dal furore horror che incarna Alice Cooper, Gesù è interpretato da John Legend. Il cantante e musicista, premio Oscar nel 2015, è garanzia di profondità nel suo modo di interpretare [VIDEO] e navigare tra le pieghe melodiche. Un altro pezzo da novanta inserito nel cast diretto dal regista David Leveaux, è Sara Beth Bareilles, artista completa sotto il profilo musicale e recitativo che ovviamente presterà la voce e l'immagine a Maria Maddalena.

Alice Cooper

La teatralità del cantante ed attore nativo di Detroit sono fuori discussione, al di là dell'espressione e della "faccia", basti andare indietro al 1991 e vedere il videoclip di Hey Stoopid in cui lo stesso Cooper è protagonista di un short-horror in cui che esalta le sue doti e si pone con grande naturalezza nel ruolo recitativo. Il mood horror non lo abbandona mai, ma il momento in cui la scena è focalizzata su lui ed il teschio, quasi una parodia shakespiriana, è di grande effetto. Ovviamente non si sta parlando di un corto d'autore, ma di un videoclip studiato per colpire e fare leva sui giovani, intento perfettamente raggiunto!