Cinzia Bianucci è una creativa e un’artista a tutto tondo. La maestria e la profonda conoscenza del mondo dell’Arte e dell’introspezione, la rendono una virtuosa delle varie arti e una narratrice dell’estasi. Le sue opere affascinano per la profondità e incantano l’io onirico trasportandolo in viaggi sulla linea del conosciuto e del conoscibile, emozionando e stupendo.

Ci racconti chi è Cinzia Bianucci e da dove nascono le sue forme d’arte.

Sono sicuramente una persona creativa: il sogno per me è il processo di incubazione che stimola la mia immaginazione e da ciò nascono le mie forme d’arte, sostenute anche da una lunga esperienza, incessante allenamento, costante dedizione e desiderio di conoscenza.

Pubblicità
Pubblicità

Sono un’osservatrice errante: ogni informazione diventa un pretesto di espressione creativa. Ascolto la mia curiosità che mi porta ad inseguire le nuove esperienze, sensazioni e stati d’animo.

La sua arte ricorda mondi onirici e futuri, sostenuta da una sensibilità e una conoscenza classica. Ci potrebbe raccontare come nasce?

Si elabora tra il sonno e la veglia, si sviluppa nella solitudine, in un monologo interiore, mi immergo nell’attività creativa, pensiero, disegno, elaborazione della materia, pittura e le ore passano senza rendermene conto, entrando in una dimensione di spazio tempo d’arte fino a che le e mie visioni diventano colori, linee e forme unendo punti che nessun altro ha visto prima.

Pubblicità

L’arte fa parte del suo essere e le scorre nelle vene, ma osservando il suo percorso creativo è mutata nei vari anni. Ci potrebbe spiegare i motivi dell’evoluzione e trasformazione della sua arte?

Disegno e dipingo da sempre. L’arte mi ha permesso di vivere “ libera ” rappresentando i miei stati d’animo e le mie percezioni della realtà attraverso forme, soggetti, oggetti e ambientazioni reali e surreali/oniriche permettendomi di essere quella che sono.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Google Tecnologia

Non ho avuto formazioni accademiche ma fondamentale è stato l’incontro con il maestro Franco Tinelli, un personaggio unico, inventore, musicista, artista e poeta: nel suo straordinario e surreale ambiente dell’antica Filanda Mylius ho maturato un’importante esperienza. E’ stata una figura determinante per la mia formazione personale, culturale, artistica e creativa insegnandomi a sviluppare concetti e idee e stimolandomi a trasformarli in opere d’arte, testimonianze del nostro sentire e in progetti funzionali.

Da allora vive in me il desiderio di continua ricerca, la volontà di capire, di sperimentare. Incessante allenamento, costante dedizione e desiderio di conoscenza. La frequentazione costante con artisti e creativi ha rafforzato la mia esperienza, stimolando la mia visione del mondo contemporaneo.

La sua sensibilità artistica e personale arricchisce le sue opere rendendole uniche e sconvolgenti per intensità emozionale e cognitiva. Come pensa nasca la fusione tra la vita e la creatività e dove porta?

Come la vita si esprime con l’arte e come l’arte si esprime nella vita.

Pubblicità

Le emozioni interferiscono e influiscono nelle creazioni. Le emozioni, tristezza o felicità, diventano linee, ombre, figure, sguardi, colori, materia. Le voglio guardare, osservare, ascoltare, toccare per poterle vivere. E’ un respiro, una ricerca in continua elaborazione tra indefinito e inaspettato: ecco materializzarsi l’idea. Ecco materializzarsi quel qualcosa che esprime il mio infinito istinto di pulsioni verso la libertà dell’anima: quello che vedo è come mi vedo, come ti vedo o come ti vedo che mi vedi, attraverso velature e spasmi di colore.

Pubblicità

Ecco che da creatrice divento spettatrice di questa idea, ed entro nelle traiettorie dell’anima che ho visualizzato e sviluppato intrappolandole in uno spazio tempo di materia e di vuoto.

Cinzia Bianucci è alla continua ricerca della sperimentazione e dell’ unione delle arti verso una concetto più ampio e interiore, ci racconti le sue ultime creazioni e l’ idea da cui nascono.

Con il passare degli anni le mie espressioni artistiche si sono trasformate: dalle primarie esigenze che mi portavano a creare inseguendo canoni di ricerca estetica, in questi ultimi anni sono approdata in riflessioni di realismo introspettivo riflessivo. Nasce quindi il periodo Onirico, con suggestioni dati dall’alternanza di segno e colore, sogni o incubi indagatori che raccontano la distorsione del reale con un livello di coscienza libero con una percezione di surrealismo visionario. Si sviluppa successivamente il periodo del gioco delle opposizioni. Attraverso i Profili di umanità nascono elaborazioni nella ricerca del duplice, con dipinti a profonda giacenza simbolica, strumenti indagatori del dualismo di immagine . Raffigurazioni nel gioco delle opposizioni, in una sconvolgente aggressiva dilaniata verità. Con le rappresentazioni del gioco del doppio, si riflette nello specchio la nature umana e quella divina, l’anima fisica e l’anima libera, nella costante ricerca del nostro io più profondo. Si modifica la tecnica pittorica che si unisce al mosaico di vetro e di specchio frammentato in casuale diposizione, lasciando alla luce i riflessi e le visioni di questa ricerca. La riflessione interiore e la ricerca costante mi ha condotto ad elaborare opere con linee e colori integrate a una plasticità differente: nella serie Cubillusion fa la comparsa il Cubo, parallelepipedo e solido platonico. Il Cubo di mosaico di vetro, dalle tonalità blu azzurre, di diverse dimensioni, entra con la sua tridimensionalità nelle opere, diventando il protagonista dell’immagine, tra linee e colori. L’opera si trasforma, diventa tridimensionale. Nel mio sogno le linee cubiche si espandono e diventano Cubi d’aria: volume d’aria fresca per ora e per persona. Si dilatano le dimensioni: Cubillusion diventa una scultura ecologica per rappresentare e ricordare quanto sia importante anche l’ aria per l’ambiente e quanto sia sempre più necessario tutelare e salvaguardare l’ecosistema.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto