E' agile, aggraziata, colorata e graffiante. La "Vespa Venice" dell'artista veneto Luca Moretto ha conquistato la sua sfera d'attenzione alla mostra "Motocicletta, l'Architettura della velocità" che si è inaugurata lo scorso giugno e resterà aperta fino al 28 ottobre 2018. L'iniziativa è dei Musei Civici Veneziani mentre l'allestimento è collocato nel complesso architettonico ottocentesco di Forte Marghera (Mestre). La "Vespa Venice" è giunta direttamente dal Museo Piaggio di Pontedera e l'intento dei curatori della mostra, Marco Riccardi e Gabriella Belli, consiste nel far avvicinare il pubblico all'Arte contemporanea valorizzando uno dei maggiori simboli del design del XX secolo: la motocicletta.

Pubblicità

La Vespa di Enrico Piaggio ha rappresentato il design "made in Italy" nel mondo, un modello che fa parte della Collezione Permanente del Triennale Design Museum di Milano e del Moma di New York. Luca Moretto ha realizzato la sua "opera d'arte su due ruote" traendo ispirazione dal prototipo Piaggio N 1967, con il tipico faro tondo e le tre marce, dipingendola a mano con i colori del Carnevale veneziano ed adottando una tecnica acrilica ad "effetto rilievo" per stimolare la sensibilità tattile dei visitatori.

Il veicolo come una tela

Sfondo bianco e colori brillanti che ricordano coriandoli e stelle filanti carnascialeschi. Le punteggiature dell'allegria caratterizzano Vespa Venice, quasi come in una visione interiore, in un concerto cromatico. D'altra parte, la motocicletta assomiglia ad una filosofia di vita e quando si trova in curva, per tenere in equilibrio il mezzo sulla giusta traiettoria, il guidatore deve inclinare il veicolo in modo più o meno accentuato per controbilanciare gli effetti della forza centrifuga.

Pubblicità

Un'accortezza che l'artista Luca Moretto ha saputo individuare dopo un incidente con la Moto avvenuto 19 anni fa e a seguito del quale ha perso una gamba. L'arte è arrivata come forma di resilienza ed il colore è diventato comunicazione, cifra interpretativa dell'universo, tinta di una storia personale. "L'Architettura della velocità" è per questo divenuto un progetto che emoziona e che diverte. Nel 2012 Vespa Venice trovò la sua prima "casa" al Museo Piaggio ma oggi, il riapprodo a Venezia, anche se per pochi mesi, la riconduce ad un'essenza artistica originaria, quella dell'ideazione e della creatività nella terra in cui Moretto è nato e vissuto.

L'intuizione è poi divenuta straripante e lo scooter ha fatto il giro delle esposizioni di richiamo internazionale, a cominciare dalla 54^ Biennale di Architettura a Venezia curata da Vittorio Sgarbi e dalla Fiera Internazionale della Calzatura di Milano. Ulteriore tappa è stata Mantova per l'8^ Vespa World Days a cui è seguito il volo per San Pietroburgo insieme alle Vespe di Ugo Nespolo e Paola Navone per la rassegna "La Vespa ed il Cinema". Tra i progetti futuri di Moretto c'è Vespa Venice 946, il modello nuovissimo da colorare dopo aver attraversato artisticamente un tratto di storia italiana.

Pubblicità

La versione 946 vuole contenere una narrazione autobiografica e la proiezione metaforica della gioia e del dolore della vita, come un ennesimo lancio della colombina da San Marco per l'apertura del Carnevale, la promessa latente della felicità che fende l'incertezza e la variabilità delle esperienze ristabilendo ogni volta il gioco.