Autrice prolifica, Silvestra Sorbera torna con il suo nuovo libro, un giallo dal titolo "Castelli di sabbia". A novembre del 2018 ha pubblicato il romanzo rosa "Numeri, Amore & Guai", dove i protagonisti, dopo rocambolesche avventure, regalano al lettore un lieto fine. A gennaio del 2019, invece, è approdata in libreria con la collega Mariantonietta Barbara (con cui aveva già scritto "Amiche per caso") con "10 ragazzi per me", in cui la protagonista, la siciliana Mina, si trasferisce a Torino per lavoro quando, insieme ad alcune amiche, inizia a fare la conoscenza di alcuni uomini che potrebbero piacere alla madre e alla sorella.

Adesso è il turno di un giallo, il terzo della serie "Il Commissario Livia". Questa volta la poliziotta di Porto Scogliera, località immaginaria del sud della Sicilia, avrà a che fare con un omicidio e dei furti. Dopo "I fiori rubati" in cui la protagonista ha dovuto indagare sulla scomparsa di due bambine, in questo libro l'autrice ha deciso di cambiare completamente soggetto.

Intervista a Silvestra Sorbera

Silvestra, cosa ci racconti di questa nuova Livia?

Livia adesso è più matura, cerca di andare avanti dopo l'abbandono di Lorenzo e la perdita del bambino ma, come sempre, riesce a stento a tenere insieme i pezzi della sua vita.

Livia è una donna vera, con famiglia, amori, lavoro. Come mai?

È vero, ho cercato di raccontare una persona normale. Quindi anche lei, come tutti noi, fa i salti mortali per conciliare la sua vita professionale con quella privata, la famiglia, gli affetti, il tempo libero. È un'equilibrista ma non sempre riesce a tenere tutto sotto controllo.

A proposito di vita privata: adesso arriva Gabriele Gangi?

È il nuovo medico legale. Ha sostituito il dottor Biraghi della prima indagine, lui è abruzzese, giovane e bello, con i capelli scuri e gli occhi verdi. Fa subito colpo sulla madre di Livia.

E su Livia?

Ci vuole un po': la mia protagonista non si lascia andare facilmente.

Pensiamo alla storia. Questa volta muore un uomo, un ragazzo: perché di colore?

Oggi, ma anche ieri se dobbiamo dirla tutta, le persone con un colore di pelle diverso dal nostro sono i portatori di tutti i mali.

Se un reato lo compie un ragazzo algerino ha un peso, se lo compie un ragazzo inglese il peso è diverso ma il reato è lo stesso. Non parlo ovviamente di sconti di pena o leggi in senso stretto, è un sentire comune che porta alcune persone a crocifiggere certe tipologie di persone.

In realtà il romanzo gioca molto sulle apparenze?

Tutti noi abbiamo degli scheletri nell'armadio. Tutti noi vogliamo apparire "più belli" di quello che siamo realmente, e per farlo mentiamo, abbiamo paura, cerchiamo di abbellire la realtà.

Segui le tue passioni.
Rimani aggiornato.

Gabriele, il medico legale, lo spiega bene mentre conversa con Livia.

Appuntamento al prossimo romanzo.

Segui la nostra pagina Facebook!