A distanza di tempo, da quel maledetto 25 ottobre 2018, cioè dal giorno della scomparsa della campionessa del mondo di volley Sara Anzanello, la Santelli editore ha annunciato la pubblicazione del libro autobiografico di Sara dal titolo “Chiamatemi ancora Anza”, opera nata dalla voglia di raccontarsi a tutto tondo, in modo da far conoscere anche a chi non ha seguito in passato la sua splendida carriera, fatta di successi e sfide che l'hanno messa a dura prova.

Pubblicità
Pubblicità

La carriera di Sara

Sara Anzanello nasce il 30 luglio del 1980 a San Donà di Piave e, dopo gli esordi nelle formazioni giovanili della società Volley Salgareda, esordisce ancora giovanissima come professionista nel 1995, in serie A2 con il Volley Latisana. In seguito Novara (per dieci stagioni) e Villa Cortese sono le sue squadre.

Nel 2013, quando è a giocare all'estero, per la precisione a Baku in Azerbaijan, viene colpita da un’epatite fulminante che la obbliga ad un veloce ritorno in Italia per un trapianto di fegato d’urgenza, evento che condizionerà la parte restante della sua carriera ed anche della sua vita.

Volley, arriva il libro di Sara
Volley, arriva il libro di Sara

Nonostante questa avversità non si arrende e decide nella stagione 2015/2016 di tornare a giocare, come opposta, nella terza serie nazionale (B1) nelle fila dell'Agil Volley Novara. Sarà questa la sua ultima stagione da giocatrice.

Nel 1998 iniziano i suoi successi in azzurro con la prima medaglia d’oro ottenuta con la nazionale italiana Under 19, poi con la maglia azzurra tutti ricordiamo lo splendido oro ai Mondiali (2002) e le due Coppe del Mondo (2007, 2011).

Pubblicità

I contributi di Sara nel sociale

Motivo di orgoglio per la campionessa è stata la creazione dell’Anza Camp, poi diventa testimonial dell’Associazione Italiana Donatori di Organi ("AIDO") ed infine decide di iniziare a scrivere questo libro. Scrive i primi capitoli, come spiegano i loro familiari, nel periodo di riabilitazione che affronta dopo il trapianto. La motivazione principale che ha spinto la giocatrice a scriverlo è stata la voglia di far capire a tutti i suoi tifosi (più in generale a tutti gli appassionati di Pallavolo che conoscevano la sua storia) l'importanza della donazione degli organi.

I ricavi del libro in beneficenza

Tutti gli introiti generati dalle vendite saranno dati in beneficenza. Il libro uscirà il 27 maggio e sarà acquistabile sia online che nelle principali librerie. Ci saranno anche alcuni appuntamenti di presentazione del libro: il 29 maggio durante la Volleyball National League femminile che si disputerà a Conegliano (Tv) e vedrà protagonista la nazionale di coach Mazzanti, poi il 31 maggio al PalaVerde di Villorba (Tv).

Pubblicità

Clicca per leggere la news e guarda il video