Gli ultimi cinque film italiani ad aver vinto l'Oscar: da Mediterraneo a La vita è bella

Roberto Benigni mentre ritira l'Oscar 1999.
Roberto Benigni mentre ritira l'Oscar 1999.

Una selezione delle ultime pellicole italiane che hanno vinto il premio Oscar come miglior film straniero: c'è anche La grande bellezza

Non perdere le ultime news
Clicca sull’argomento che ti interessa per seguirlo. Ti terremo aggiornato con le news da non perdere.
Clicca e guarda il video
Mian, prende quota il nome di Farioli per il post-Pioli

Il 10 marzo ci sarà la cerimonia dei premi Oscar e quest'anno c'è una pellicola italiana in lizza come miglior film internazionale: si tratta di Io capitano, diretto da Matteo Garrone. Sono esattamente 10 anni che l'Italia non conquista la prestigiosa statuetta sul palco di Los Angeles: l'ultimo a riuscirci fu nel 2014 Paolo Sorrentino con La grande bellezza, quando ancora il premio era denominato Oscar al miglior film in lingua straniera.

Nella storia del Cinema sono stati complessivamente 14 i film italiani a ricevere questo riconoscimento: tale conteggio include due Oscar Speciali per Sciuscià (1948) e Ladri di biciclette (1950) l'Oscar Onorario condiviso con la Francia per Le mura di Malapaga (1951). Poi ci sono riuscite solo altre 11 pellicole in oltre 70 anni. In questa sede approfondiamo quali sono stati gli ultimi cinque film italiani premiati con l'Oscar, andando a ritroso nel tempo.

1

La grande bellezza (2014)

Il film è co-scritto e diretto da Paolo Sorrentino, con protagonista Toni Servillo. Racconta le vicende di un ex scrittore di successo, giornalista di costume e critico teatrale, impegnato per lo più a girovagare tra gli eventi mondani di una Roma contemporanea immersa nella bellezza della sua storia ma anche nella superficialità di alcuni dei suoi abitanti.

2

La vita è bella (1999)

Il film diretto e interpretato da Roberto Benigni racconta la storia di Guido Orefice, un libraio ebreo che vive in Toscana. Quando viene deportato insieme alla moglie e al figlio in un campo di concentramento nazista e cerca di proteggere il bambino dagli orrori dell'Olocausto facendogli credere che tutto ciò che vivono sia parte di un gioco in cui si può vincere un carro armato.

Content sponsored by Outbrain