Mi sembra solamente ieri che mio nonno mi ricordava quando, durante la guerra di Etiopia, a causa dei lancinanti morsi della fame, era costretto a divorarsi una banana intera: il frutto e la stessa buccia! L'azienda giapponese "D&T farms", nella prefettura di Okayama, ha condotto alcuni esperimenti, ottenendo una nuova varietà di banana [VIDEO] totalmente commestibile. Si parla del frutto e persino della buccia!

La tecnica denominata: "freeze thaw awakening"

Le piantagioni di banano, di norma, necessitano di temperature abbastanza calde (intorno ai 27 °C) per poter crescere e originare i dolci e squisiti frutti che colorano le nostre tavole.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Corretta alimentazione

Il Giappone [VIDEO] si è spinto oltre, testando una nuova tecnica, denominata: "freeze thaw awakening". Secondo tale procedura, le piantagioni di banano verrebbero congelate a -60 °C per poi essere piantate nuovamente in ambienti a 27 °C.

Si tratta del processo di: congelamento, scongelamento e risveglio.

Una dolce scoperta

Proprio grazie allo sbalzo termico causato dalla nuova tecnica "freeze thaw awakening" ha avuto origine una nuova varietà di banana, battezzata Mongee. Una banana dalle dimensioni minori rispetto alla comune banana presente nei nostri supermercati, ma più zuccherina (essa contiene 24,8 grammi di zuccheri contro i 18 grammi della banana "tradizionale"). La nuova varietà di frutto sarebbe una buona fonte di zinco, magnesio, vitamina B6 e di triptofano (un amminoacido essenziale). La vera novità riguarda la buccia di questa banana: sottile, morbida e dolce al palato. La buccia non sarebbe soggetta, oltretutto, al naturale processo di maturazione. Chi ha avuto il piacere di assaggiarla ha riscontrato un gusto tipicamente tropicale che accomunerebbe il nuovo frutto all'ananas.

Un frutto, quindi, totalmente commestibile che contribuirebbe ad allontanare i famigerati sprechi alimentari. Per il momento, non facciamoci troppe illusioni, dato che la disponibilità sul mercato della banana Mongee risulta ancora limitata; inoltre, il costo di una singola banana è abbastanza elevato, dal momento in cui si aggira intorno ai 6 dollari (ossia 4,8 euro)! Ma il Giappone, come altri paesi del mondo, è importatore del 99% delle banane che consuma e si sta attivando per diffondere il suo nuovo e squisito prodotto. Non ci resta che attendere l'arrivo sulle nostre tavole della banana Mongee e giudicare... Nel frattempo, se volete, potete commentare il mio articolo.