A sorpresa arrivano gli incentivi statali per l'acquisto di auto, moto, quadricicli e veicoli commerciali leggeri. I contributi che partiranno dal 6 maggio riguarderanno tutte le auto ad alimentazione alternativa (dagli elettrici agli ibridi, a metano, biometano, Gpl, biocombustibili, idrogeno) con emissioni di CO2 non superiori rispettivamente 120, 95 e 50 g/km.

Il 3 aprile di quest'anno il ministero dello Sviluppo Economico ha firmato un decreto di riparto delle risorse destinate ai contributi per l'acquisto di veicoli a basse emissioni di anidride carbonica.

La somma prevista per gli incentivi si attesta a 31,3 milioni di euro, per quest'anno, a cui si aggiungono altre risorse non utilizzate nel 2013, per arrivare ad una somma totale di 63,4 milioni di euro.  

Gli incentivi, fino a 5000 euro, vengono ripartiti in questo modo: il 15% per l'acquisto da parte di tutte le categorie di acquirenti, di veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 50 g/km; 35% per l'acquisto da parte di tutte le categorie di acquirenti di veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 95 g/km; 50% per l'acquisto di veicoli destinati all'uso di terzi o utilizzati nell'esercizio di imprese con emissioni di anidride carbonica non superiore a 120 g/km.

Questi contributi saranno disponibili fino ad esaurimento, quindi il rivenditore al momento dell'acquisto deve accettarsi attraversi il sistema informatico del ministero che gli incentivi non siano terminati.  

Dalla manovra sono escluse le auto a km. zero perché essendo già immatricolate non godono di questi incentivi. Il decreto infatti prevede che solo le nuove immatricolazioni ottengano questo contributo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto