La Legge di Stabilità è stata approvata dal Consiglio dei Ministri lo scorso 15 ottobre. Ora il testo passerà al Senato a partire da questa settimana con le dichiarazioni da parte del presidente Pietro Grasso. Il calendario stabilito dalla Commissione Bilancio, stabilisce che il 2 e il 3 novembre prossimi si svolgeranno le audizioni; subito dopo la manovra finanziaria entrerà nel vivo della discussione. Vediamo, di seguito quali sono alcune argomentazioni inserite nella Legge di Stabilità 2016.

Aumento delle imposte solo nelle Regioni 'in rosso'

È probabile un aumento delle tasse per tutti i cittadini che abitano in quelle regioni dove la sanità è in rosso. Nei giorni scorsi, il premier Matteo Renzi ha voluto confermare un taglio delle imposte con queste parole: 'Nel 2016, nessun Comune o Regione dovrà aumentare le imposte; questo è scritto nella legge'.

Il presidente della Conferenza delle Regioni, Sergio Chiamparino, ha espresso molti dubbi a tal proposito, sottolineando che non sarà possibile inserire nella manovra finanziaria una misura che possa impedire alle Regioni di aumentare le tasse. La specifica viene però fatta dal vice-ministro all'Economia, Enrico Zanetti, il quale sottolinea che le imposte non saranno aumentate, fatta eccezione in quelle regioni dove ci sono dei disavanzi sanitari. Tra queste, ricordiamo, ci sono il Lazio, la Campania, il Piemonte, la Puglia, ecc.

Pagamento canone Rai in un'unica soluzione

Intanto, viene confermato l'inserimento del Canone Rai in bolletta elettrica. Il sottosegretario alle telecomunicazioni, Antonello Giacomelli, ha confermato che la tassa sarà pagata solamente da chi possiede un televisore, mentre sono escluse tutte le persone che possiedono solamente pc, tablet e smartphone.

I migliori video del giorno

La sanzione per chi non paga ha subito una leggera modifica rispetto a quanto era stato stabilito in un primo momento: da due a sei volte l'importo. Inoltre, un'altra notizia giunta in queste ore, ci dice che la tassa del canone Rai sarà pagata in un'unica soluzione e addebitata sulla prima bolletta dell'energia elettrica che arriverà all'inizio di ogni anno.