Oggi Vi illustriamo i dati resi noti dalla Ragioneria Generale dello Stato sull' età media degli impiegati e delle assunzioni nella Pubblica Amministrazione.

Dall'analisi condotta dall'Ente è emerso che negli ultimi quindici anni l'età media ( riferita al totale del personale) è cresciuta di oltre sei anni anni e quattro mesi. È da precisare che il dato statistico tende ad appiattire le caratteristiche del campione esaminato.

Pubblicità
Pubblicità

In realtá infatti esistono "differenze notevoli fra i vari settori" del pubblico impiego che in alcuni casi vanno ben oltre i dati della Ragioneria. Comunque la matematica non perdona e la legge dei numeri descrive gli statali sempre più anziani con una etá media che alla fine del 2015 si è attestata a cinquanta anni.

I dati della forza lavoro sono in calo

La Ragioneria dallo Stato ha altresì confermato che complessivamente la forza lavoro impiegata nelle amministrazioni pubbliche nel 2015 è in calo rispetto al precedente anno.

Pubblicità

In realtà , l'incremento degli enti inclusi nella rilevazione ha contribuito, nel periodo fra il 2011 ed il 2014, a mascherare la vera dimensione del problema. Al netto di tali Enti infatti il dato statistico sarebbe in continua diminuizione dal 2008.

Il punto di situazione tracciato della ragioneria combinato con l'elevazione dell' età di pensione e la contrazione delle assunzioni, soprattutto dei giovani, fotografa un precario e instabile stato di salute del pubblico impiego.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pubblica Amministrazione Lavoro

Dipendenti pubblici e economia

I dipendenti statali per anni hanno rappresentato il motore della domanda che alimentava una parte del mercato nazionale. In tale quadro, l'invecchiamento progresivo del comparto pubblico potrebbe influire negativamente sulla deflazione che sta logorando l'economia nazionale accrescendo il generale senso di sfiducia che pervade tutto il Paese. Tale sfiducia fa diminuire i consumi.

Il calo delle vendite spinge le aziende a ridurre la produzione e di consegienza il nunero degli occupati innescando un vortice perverso che veste oipanni di un Killer per sistema produttivo italiano.

Per ulteriori infomazioni vi consigliamo di continuare a seguire le news dell'autore del presente articolo

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto