Oggi un nuova tragedia è protagonista della cronaca nazionale. L'ANSA infatti ha rilanciato la notizia di un incidente in autostrada aaccaduto sulla A 14 fra le uscite di Ancona sud e Loreto. Nello specifico, si è trattato del crollo di un ponte che ha causato due morti e due feriti.

Le vittime sono una coppia di residenti nel Teramano che viaggiava a bordo di una Nissan Qashqai, mentre sono rimasti feriti due operai (due operai romeni di 56 e 46 anni) della ditta Delabech che stava eseguendo dei lavori di manutenzione. I feriti, ricoverati nell'ospedale di Ancona, sembrano non versare in gravi condizioni.

Pubblicità
Pubblicità

II punto sulla situazione

Il tutto è accaduto al km 235+800, all'altezza di Camerano (Ancona). La societá Autostrade per l'Italia ha reso noto che ad essere crollato sull'A14 è stata una struttura provvisoria posizionata a sostegno del cavalcavia e che al momento il tratto autostradale interessato dal crollo è chiuso con obbligo di uscita ai caselli di Ancona sud in direzione Bologna e di Loreto in direzione Bari dove si registrano diversi chilometri di coda, in aumento.

Pubblicità

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha fatto sapere che sarà istituita una commissione ispettiva di esperti del dicastero per analizzare e valutare quanto accaduto sulla A14.

I testimoni del crollo sono tutti sotto choc. Tutti si sono dichiarati dei miracolati in quanto il crollo è stato improvviso ed avrebbe potuto coinvolgere ulteriori veicoli.

Il dramma tuttavia è stato inevitabile quando gli occupanti dei veicoli si sono resi conto che sotto il Ponte era rimasta schiacciata una autovettura e che gli occupanti non hanno avuto scampo.

Sul posto la polizia stradale, i vigili del fuoco e i mezzi del 118.

Analoga tragedia è avvenuta nel mese di ottobre. Ora la magistratura aprirá una inchiesta al fine di accertare eventuali responsabilità e chiarire la dinamica dell'incidente.

Per ulteriori informazioni ed aggiornamenti vi invitiamo a continuare a seguire le news dell'autore del presente articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto