Pronta la bozza del nuovo modello del 730, che vedrà dal 2017 tantissime nuove detrazioni fiscali. La bozza, che potete trovare nel sito dell'Agenzia delle Entrate, comprende tutte quelle detrazioni approvate nell'ultima legge di stabilità del 2016 e altri provvedimenti che sono stati approvato lo scorso anno ancora: uno tra questi è la legge del "Dopo di noi", adatta a chi ha dei figli con disabilità gravi. Quest'anno il 730 potrà essere presentato fino al 23 luglio: il modello precompilato sarà possibile trovarlo sul sito a partire dal 15 aprile 2017.

Le nuove detrazioni fiscali nel 730

Tante sono le novità in merito alle detrazioni del nuovo anno.

La prima novità del 2017 vede l'Irpef più leggera sui premi di risultato: tutti i dipendenti del settore privato che percepiscono dei premi di risultato, potranno godere di una tassazione dell'Irpef agevolata, fino ai 2500 euro di importo. Se i premi di risultato vengono percepiti in contanti, si applicherà un'imposta sostitutiva dell'Irpef e delle addizionali pari al 10%. Mentre, se i premi vengono pagati in voucher, non si applicherà nessun tipo di imposta. Tutti i lavoratori che recentemente sono rimpatriati in Italia, pagheranno meno tasse. Infatti, esso formerà un reddito complessivo pari al 70% del reddito di lavoro dipendente che è stato prodotto nel nostro Paese. Come già accennato prima, chi usufruirà della legge "Dopo di noi" (legge per tutti quei genitori che hanno un figlio disabile, che consiste nel dare ai figli, dopo la morte di entrambi i genitori, una rendita annuale) avrà uno sconto d'imposta.

I migliori video del giorno

Sarà possibile detrarre fino a 750 euro l'anno nelle assicurazioni per la vita e la possibilità di avere lo sconto del 20% per erogazioni libere e donazioni, non superiori a cento mila euro.

Bonus per le donazioni agli istituti scolastici

A partire dal 2017 ci sarà un bonus per le donazioni effettuate verso gli istituti scolastici: questi, usufruiranno di un credito d'imposta pari al 65% del totale che verrà ripartito in tre quote annuali con importo uguale. Se si ha acquistato degli immobili per la casa e, uno dei componenti familiari, ha meno di 35 anni, allora è possibile usufruire del bonus mobili per le giovani coppie. Per ricevere il bonus bisogna essere sposati (o anche conviventi) da almeno 3 anni, e aver acquistato un immobile tra il 2015 e il 2016. In questo caso la detrazione sarà pari al 50% delle spese totali, fino a 16mila euro. Se si sta acquistando la prima casa con la formula del leasing, si potrà ottenere una detrazione del 19% sull'importo totale dei canoni di leasing pagati nel 2016.

E' possibile, infatti, richiedere questa agevolazione solo se, al momento della stipula del contratto, il reddito era inferiore a 55mila euro: se si ha meno di 35 anni l'importo dei canoni di leasing, per usufluire delle detrazioni, non può essere superiore a 8mila euro; mentre per chi supera i 35 anni di età avrà un tetto di 4mila euro. Se, invece, durante lo scorso anno, è stato acquistato un immobile "verde" (cioè con classe energetica A o B), è possibile avere una detrazione del 50% dell'Iva pagata nel 2016. Infine, nel nuovo modello 730, vi è la possibilità di usufruire della detrazione del 65% delle spese sostenute nel 2016 per l'acquisto, l'installazione e la messa in opera di dispositivi remoti che controllano gli impianti di riscaldamento, produzione di acqua e climatizzazione.