Dal primo dicembre 2017 è possibile richiedere il reddito di inclusione (REI). Questa forma di inclusione sociale sarà il principale strumento di contrasto alla povertà e andrà a sostituire il SIA (sostegno all'inclusione attiva) e l'assegno di disoccupazione Asdi. La novità è che il nuovo Rei non sarà solo un aiuto economico per le persone meno abbienti, ma sarà uno strumento utile per il reinserimento lavorativo e sociale.

Requisiti per richiedere il nuovo REI

Il 22 nivembre del 2017 l'Inps ha reso noto, attraverso la circolare n.172, i requisiti e le modalità per poter richiedere il nuovo reddito di inclusione. Possono richiedere il Rei i nuclei familiari anche composti da una sola persona che hanno un

  • ISEE inferiore ai 6 mila euro
  • un indicatore ISRE inferiore ai 3 mila euro.
  • Il patrimonio mobiliare deve essere necessariamente inferiore ai 10 mila euro
  • Il patrimonio immobiliare si riduce ai 6000 euro per i nuclei familiari composti da una sola persona e 8 mila euro invece per i nuclei familiari formati da due persone o più.
  • Il cittadino deve appartenere all'Unione Europea e deve avere la residenza in Italia da almeno due anni.
  • Per gli extracomunitari è necessario essere in possesso di regolare permesso di soggiorno

Il nucleo familiare deve essere composto da :

  • Figli minori
  • Figli o altri componenti della famiglia, affetti da disabilità
  • Donne in stato di gravidanza accertata
  • Un ex lavoratore pari o superiore ai 55 anni che si trova in stato di disoccupazione

Come richiederlo e come funziona il REI

Per richiedere il nuovo Reddito di Inclusione Sociale basta munirsi di Isee (in corso di validità) e documenti personali e recarsi presso gli uffici predisposti al servizio presso il proprio comune di appartenenza.

Il comune elaborerà le domande e poi le trasmetterà all'Inps. L'Inps, una volta effettuati i controlli entro 5 giorni, erogherà il reddito da gennaio 2018 in poi attraverso una Carta, denominata CARTA REI, rilasciata da Poste Italiane. Sarà possibile prelevare metà del denaro in contanti messo a disposizione, l'altra metà dovrà essere utilizzato per l'acquisto di beni primari attraverso la Carta presso negozi convenzionati.

Quanto spetta e come spenderli

Il beneficio economico sarà erogato per 18 mesi sulla Carta Rei La somma erogata dipenderà dai componenti del nucleo familiare:

  • Per 1 componente del nucleo familiare la somma sarà di 187,50 euro mensili
  • Per 2 componenti del nucleo familiare la somma sarà di 294,50 euro mensili
  • Per 3 componenti del nucleo familiare la somma sarà di 382,50 euro mensili
  • Per 4 componenti del nucleo familiare la somma sarà di 451,25 euro mensili
  • Per 5 componenti del nucleo familiare la somma sarà di 485,41 euro mensili

Ovviamente, per l'erogazione della Carta Rei, verrà data precedenza alle famiglie con figli minorenni, disoccupati con età superiore ai 55 anni e donne in gravidanza.

Il sussidio sarà caricato sulla Carta Rei, che sostituirà la Carta Acquisti. Inoltre, il Rei è incompatibile con la fruizione di altri ammortizzatori sociali e la Naspi.