Momento difficile per Bauli, una delle aziende italiane più importanti del settore dolciario e dei prodotti da forno. Fondata a Castel D'Azzano (VR) nel 1922, Bauli è balzata agli onori della cronaca per uno spiacevole inconveniente occorso a uno dei suoi prodotti di punta, il croissant. Lo scorso 3 ottobre il ministero della salute ha infatti ordinato il richiamo di un lotto di croissant Bauli al latte a lievitazione naturale. Nei suoi test il ministero ha rintracciato anomalie e la presenza di salmonella spp, cioè la formazione di batteri patogeni in grado di causare vomito, diarrea e abbassamento generale delle difese immunitarie.

Il ministero fa sapere che le confezioni interessate sono quelle del lotto LA8312BR con data di scadenza fissata al 30/11/2018, aggiungendo che chiunque le abbia in casa può consegnarle al punto vendita dove è avvenuto l'acquisto.

I più venduti: croissant e pandoro Bauli

Vedremo se la storica azienda saprà riprendersi da questo infortunio [VIDEO]. Quel che è certo è che il croissant rappresenta uno dei prodotti di punta di Bauli, con circa 180 milioni di cornetti sfornati ogni anno. Per intenderci, il pandoro (forse il prodotto più rinomato dell'azienda) è venduto ogni anno in 7 milioni di pezzi, il panettone in 8,2 milioni di pezzi, mentre colombe e uova di Pasqua viaggiano sui 4 milioni di pezzi annui.

La quota di mercato dei cornetti è pertanto del 22%, dunque stiamo parlando di un prodotto non secondario a determinare il fatturato dell'azienda, che nel 2017 è ammontato a 443 milioni di euro. Nel corso dell'ultimo decennio, Bauli ha compiuto però operazioni di mercato volte a diversificare l'offerta. Nel 2006 ha acquistato l'azienda Doria, produttrice dei biscotti Bucaneve e Atene, mentre nel 2013 si è garantita la linea dei Krumiri Bistefani. Oggi l'azienda vanta 697 referenze nel mercato da forno.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Curiosità

Dopo i trancini, i croissant sono i preferiti dagli italiani

Rischia di essere un brutto colpo, il caso dei croissant Bauli a rischio salmonella. Un colpo che in passato non ha risparmiato Lactalis (sempre per la salmonella) e Lidl (per la presenza di metallo in alcuni articoli). Questa tipologia di merendina, infatti, è in testa all'indice di gradimento degli italiani. Nella GDO, infatti, la referenza più presente è quella dei trancini (38%), seguita appunto dai croissant (19%), altre brioches (11%), sfoglie (6%), plum cake (5%), panini al latte (4%) e tortine (3%).

Bauli crede a tal punto ai suoi croissant, che nel 2017 aveva aperto una fabbrica in India, investendo 34 milioni di euro e trasformando il paese della tigre asiatica nel suo secondo mercato globale.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto