L'educazione non è una priorità per l'Italia. Il rapporto Education and Training Monitor 2014 della Commissione europea, fotografa impietosamente come il nostro Paese è tra gli ultimi in Europa per investimenti in risorse all'educazione a ogni livello formativo (-4% del Pil). Il sistema di valutazione è acerbo, l'abbandono scolastico elevato, pochi laureati e difficoltà d'inserimento nel mondo del lavoro.

Ultimi in Europa con il 22,4% di laureati dove la media è del 38%. I giovani laureati non trovano lavoro e solo il 49 per cento trova un impiego in tempi brevi e chi lo trova, svolge mansioni dequalificanti. Secondo il Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale (Cedefop) il 66% degli italiani svolge un lavoro a qualifica medio-alta.

Il 17% degli studenti italiani tra i 18 e i 24 anni lascia la Scuola senza titolo di studio.

Secondo lo studio, le difficoltà maggiori dell'abbandono scolastico sono incontrate dai figli di stranieri e i portatori di handicap per la mancanza di azioni e metodologie d'integrazione.

Il 38% degli insegnanti italiani è giudicato "non sufficientemente preparato" a esercitare la professione. Le cause riguardano un'abilità insufficiente nell'utilizzo delle nuove tecnologie, assenza di formazione continua e corsi di aggiornamento ("Life Long Learning").

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Offerte Di Lavoro Scuola

Gli adulti, inoltre, non sono sufficientemente istruiti, nel rapporto si parla di "scarse competenze alfabetiche e numeriche degli adulti".

Per F. SCRIMA, segretario generale CISL SCUOLA, "serve un rinnovato patto di collaborazione e d'impegno che veda coinvolte famiglie, ragazzi, insegnanti, politica e istituzioni; nessuno può ritenersi "innocente" rispetto alla crisi educativa del nostro tempo".

Il Rapporto valuta l'evoluzione dei sistemi d'istruzione e di formazione in tutta Europa. Lo fa sulla base degli obiettivi fissati a livello europeo, secondo parametri del tipo: (1) investimenti nell'istruzione e ragioni dell'investimento; (2) i risultati dell'apprendimento secondo le misurazioni effettuate su qualifiche e competenze; (3) le leve politiche che possono contribuire a migliorare i risultati di apprendimento e a rafforzare i ritorni agli investimenti in istruzione.

Nel documento si riuniscono, in modo conciso, gli ultimi dati quantitativi e qualitativi, i recenti studi, documenti politici e sviluppi sul tema.

Per progredire verso gli obiettivi educativi fissati nella strategia Europa 2020, servono lavoro, crescita e investimenti su istruzione, ricerca e innovazione e gli scarsi investimenti in capitale umano rischiano di affossare la prospettiva europea per una crescita sostenibile e inclusiva, e l'inadeguata occupazione di qualifiche e competenze richiede che i sistemi d'istruzione e formazione siano più in sintonia con le esigenze del moderno mercato dell'impiego.

Per preparare le persone alla vita lavorativa e offrire un senso di cittadinanza democratica bisogna qualificare l'istruzione, offrire crescita sostenibile, produttività e innovazione, con un quadro politico coerente in materia d'insegnamento che renda attraente la professione d'insegnante con il reclutamento e il mantenimento d'insegnanti ben preparati e motivati. Bisogna anche saper promuovere, facilitare e favorire l'apprendimento continuo dopo la formazione iniziale e saper rendere trasparenti e riconoscibili universalmente i risultati dell'apprendimento.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto