La Banca Centrale Europea, nel 2013, ha deciso di sostituire le banconote della prima serie rimpiazzandole progressivamente con quelle della cosiddetta “serie Europa”. Da allora abbiamo avuto modo di “conoscere” questa nuova cartamoneta. Dopo il lancio di quella da 5 euro di questa serie (2013), è venuto il momento di quella da 10 euro (nel 2014). Dal 25 novembre 2015 sarà la volta del taglio da 20 euro ad entrare in scena. Come tutte le altre nuove banconote della “serie Europa”, anche questa nuova cartamoneta da 20 euro è stata introdotta con l’obiettivo di migliorare le caratteristiche legate alla sicurezza.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Lega Nord

A partire dal 2013, la Banca Centrale Europea ha deciso di sostituire le banconote della prima serie con le quelle della nuova “serie Europa” al fine di migliorarne le caratteristiche legate alla sicurezza.

La nuova banconota, infatti, oltre a presentare un restyling grafico, è anche dotata di maggiori dettagli che disincentivano il fenomeno della contraffazione dell’euro.

Autenticità: come riconoscerla?

Sulle nuove banconote da 20 euro sarà visibile in determinati punti la figura mitologica di Europa, la donna amata dal dio della mitologia greca Zeus, la quale ha poi dato origine al “vecchio continente”. Nella nuova banconota da 20 euro, inoltre, sono presenti diversi particolari che permettono di percepirne l’autenticità. Alcune di queste caratteristiche riguardano alcuni elementi di rilievo presenti su ambedue i lati della banconota, elementi distintivi difficili da riprodurre. Questi elementi saranno molto utili anche a coloro che avendo difficoltà visive fanno fatica a riconoscere le banconote autentiche da quelle false. 

La Banca Centrale Europea si è organizzata in maniera tale da diffondere giornaletti informativi a tutte le aziende e agli esercizi commerciali così che questi ultimi possano riconoscere subito la nuova cartamoneta e aggiornare i software presenti all’interno dei propri sistemi.

I migliori video del giorno

Comunque chiunque può accedere a queste informazioni consultando il sito istituzionale della Banca Centrale Europea.