Uno dei grandi pilastri dei terroristi contemporanei è l’uso delle nuove tecnologie. Prima del fattore umano, degli informatori o delle fonti, oggi è il web il grande alleato della leadership del terrorismo. In passato, gli individui rappresentano l’80% delle inchieste e le tecnologie che utilizzavano soltanto il 20%. Attualmente questi indicatori sono cambiati. Hanno più peso le tecnologie per bloccare la diffusione globale dei terroristi in rete. I media di intercettazione delle comunicazioni, di sorveglianza, così come le tecniche di riconoscimento del viso. Il 70% del lavoro degli inquirenti sarebbe impossibile senza questi strumenti. Lo svantaggio? Diventano strumenti tecnologici vecchi in pochissimo tempo.

Esistono molti investimenti nelle piattaforme per combattere il terrorismo su Internet, ma cambiano molto velocemente. In molti Paesi, purtroppo, le autorità raccontano che si spendono soldi in uno strumento che l’anno dopo non serve a nulla. La visione di futuro e le capacità in questo ambito sono determinanti.