E' accaduto in Inghilterra ad Halstead, nell'Essex (si trova nell'Inghilterra Orientale): un bambino, il piccolo Dexter Neal, si trovava in una villetta con altri bambini quando il Pitbull della padrona di casa lo ha aggredito e sbranato. E così una tranquilla giornata di giochi si è trasformata in tragedia. Inutili i tentativi di soccorso e la corsa in ospedale, purtroppo il bambino è morto per le gravi ferite riportate. La padrona del cane è stata immediatamente arrestata dalla polizia e condotta in caserma, poi in seguito rilasciata su cauzione.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Lega Nord

In ogni caso dall'Inghilterra le ultime notizie parlano di caso ancora aperto, e per il momento la donna è in libertà provvisoria.

Il racconto dei vicini

I vicini hanno raccontato che il piccolo Dexter Neal viveva poco distante dalla casa in cui è avvenuto il fatto, e che la famiglia era tranquilla perché tutti si conoscono in quella zona, mai avrebbero pensato a un epilogo di questo genere.

Ai microfoni i vicini hanno detto di essere stati allarmati da grida agonizzanti, e quando si sono presentati sul posto hanno assistito a quella scena raccapricciante. La madre, accorsa subito sul posto, ha tentato di rianimare il bimbo con il defibrillatore, ma purtroppo senza risultato. Condotto in ospedale, non è stato possibile salvarlo a causa della situazione troppo grave.

La polizia chiede riservatezza

La polizia inglese che sta seguendo le indagini ha dichiarato di aver messo a disposizione della famiglia tutto ciò di cui hanno bisogno, compreso il sostegno psicologico di cui possono necessitare per superare lo choc che stanno vivendo, e reclamano il rispetto della privacy della famiglia. Questa aggressione non è la sola avvenuta quest'anno, anche in Italia c'è stato un caso recente che fa riaccendere ancora una volta un dibattito molto sentito nel nostro Paese, ovvero quello della possibilità di negare il possesso dei cani ritenuti 'pericolosi'.

I migliori video del giorno

Un argomento più volte affrontato, ma che per ora non ha trovato una soluzione definitiva in quanto ancora non si sa con certezza quali siano le razze predisposte ad essere più aggressive e quali no.