Continuano le polemiche sulla riforma Buona Scuola. L'incontro/scontro tra il governo Renzi e i rappresentanti dei sindacati non hanno portato agli esiti sperati. La Camusso e Bernocchi ritengono che il confronto sia stato infruttuoso, perché il governo continua ad andare avanti senza ascoltare le richieste da parte del mondo della scuola.

Non sono stati toccati i temi caldi, ovviamente in primis il precariato. A tal proposito le ultime dichiarazioni rilasciate dal Premier non lasciano grandi speranze, in quanto ha dichiarato che al momento non è previsto nessun decreto per i precari, ma che in compenso il concorso scuola permetterà 60 mila assunzioni. Certamente una cifra considerevole, ma non soddisfacente per i precari, considerando che il 70% degli insegnanti rimarrebbe escluso dalla possibilità di partecipare al concorso.

A ciò bisogna aggiungere coloro che sono rimasti in un limbo disastroso: i laureati dell'anno accademico 2014/15 e 2015/16. Per loro al momento non c'è nessun modo di conseguire l'abilitazione, requisito principale per poter affrontare il concorso scuola che sarà indetto ad ottobre. Qui le indicazioni su come conseguire l'abilitazione, stando alle nuove direttive del DDL Buona Scuola.

DDL Buona Scuola: nuove mobilitazione il 18 e il 19 maggio

A causa degli scarsi risultati ottenuti si prevedono nuove mobilitazioni il 18 e il 19 maggio. La Camusso ha anche minacciato un possibile blocco degli scrutini. Martedì 19 maggio sarà una data molto importante per i docenti non solo per la mobilitazione, ma anche perché è prevista da martedì la discussione del disegno di legge alla Camera. Se la riforma Buona Scuola verrà conservata così com'è stata strutturata allora saranno previste manifestazioni ad oltranza. Il contenuto, almeno per ora, non è stato modificato nei suoi punti caldi. Per gli insegnanti tutto ciò è inaccettabile, se si pensa al solo potere del dirigente scolastico. A ciò bisogna aggiungere che gli insegnanti potrebbero svolgere le ore di servizio in scuole diverse e anche molto lontane tra loro. Per rimanere aggiornati sul mondo della scuola, clicca in alto sul tasto Segui.