Dopo la ritirata annunciata dallo stesso Renzi, circa il Piano assunzionale da 100 mila posti prevista per il 1° settembre 2015, che dovrebbe slittare al settembre 2016, una nuova notizia negativa arriva dalla Corte Costituzionale. Il pronunciamento sull'abuso delle assunzioni a tempo determinato slitta a tempi sconosciuti.

La buona scuola ed il piano assunzioni slittano, per volontà di Renzi, al prossimo anno

Colpa dei troppi emendamenti presentati, aveva giustificato il premier Renzi. Ma la verità al riguardo, se la buona Scuola non passa e non diventa attuativa già dal prossimo settembre come già dicevamo in un nostro precedente articolo appena saputa la notizia,potrebbe essere in realtà un'altra: il mancato accordo all'interno del Pd tra renziani e la minoranza sulle assunzioni dei precari e sul potere da assegnare ai presidi.

Pubblicità

La protesta e la mobilitazione contro la riforma renziana non si è fatta attendere.Ricordiamo che la commissione istruzione del Senato è stata più volte convocata e poi "sconvocata" a causa proprio del mancato accordo tra i senatori pieddini all'interno della commissione stessa. Gli articoli 9 e 10, quelli relativi alle assunzioni e ai poteri dei dirigenti scolastici sono il pomo della discordia. Ma Renzi, nonostante l'annuncio shock non demorde, anzi comunica che per il mese di luglio saranno convocati gli stati generali, una sorta di conferenza nazionale sulla scuola nella quale tutti potranno dire la loro.

Le ultime novità ci dicono che l'Alta Corte rinvia la discussione sulle assunzioni a tempo determinato

Certamente una novità rilevante è che la Consulta, chiamata ad esprimersi sull'abuso dei contratti a termine da parte del governo e del Ministero della Pubblica Istruzione nella fattispecie, ha rinviato l'udienza fissata del 23 giugno prossimo, a data da destinarsi. Notizia che lascia sconcerti e delusi gli insegnanti precari che si attendevano giustizia proprio da un organo giudiziario preposto a far rispettare le leggi, nel caso qualcuno (leggi politica o governo) li disattendesse. Certamente sono questi i giorni più importanti sì, ma anche i più caotici e sconvolgenti per la vita professionale ma anche familiare dei precari.

Pubblicità

Aria di tempesta sulla scuola, ma Faraone rassicura. Novità per l'estate?

Prima lo stop dello stesso Renzi al piano assunzionale ora il rinvio della sentenza della Corte Costituzionale. Sulla scuola evidentemente, non spira un buon vento. Fulmini e saette la fanno da padrona in questi giorni da un mero punto climatico su tutta l'Italia, ma fulmini e saette si profilano anche all'orizzonte dei precari della scuola. Difatti la commissione Istruzione del Senato sarà ferma fino al prossimo martedì 23 e fino a quella data non avremo molto da comunicare a favore di questa "martoriata" categoria di lavoratori.

Anche se, ad onor di cronaca, il sottosegretario Faraone si dimostra fiducioso quando parla della possibilità di approvare il DDL entro l'estate. Ma i tempi, ammesso che sarà fatto, saranno utili per le assunzioni già dal 1° settembre 2015? Dite la vostra commentando la notizia. Noi vi aggiorneremo come sempre, intanto cliccate su "segui" posto in alt sopra al titolo.