Nelle ultime settimane si è parlato moltissimo di pensione anticipata e uscita dal mondo del lavoro, e le ultime notizie di oggi 1 giugno 2015 sulle Pensioni, confermato quanto sembrava profilarsi dopo le parole di Renzi e degli altri esponenti di governo: si potrà avere accesso alla pensione con quattro anni di anticipo rispetto all'attuale legge Fornero, in cambio di una decurtazione sull'assegno.

Pubblicità
Pubblicità

La famosa proposta di quota 97, con firmatario Damiano sembra così la soluzione che il Governo Renzi ha deciso di attuare, come confermano anche le parole del Ministro dell'Economia Padoan di oggi.

Pensione anticipata, ultime oggi 1 giugno: Padoan conferma 62 +35 per uscire

Il ministro Padoan alle agenzie stampa ha ribadito la volontà del Governo di intervenire sul tema previdenziale, ricordando che questo aiuterebbe anche un ricambio generazionale: "Se troviamo una soluzione, potrebbe essere uno strumento per favorire ulteriormente l'occupazione giovanile".

Pubblicità

E la soluzione verso cui si va, stando alle ultime sulle pensioni di oggi è quella della ormai nota quota 97 di Damiano. Per evitare di incidere pesantemente sulle casse dello stato, il Governo pensa quindi ad una soluzione con penalità sull'assegno fino all' 8% massimo. Damiano ha ribadito di esser pronto: "Noi siamo pronti e chiediamo un confronto sulle nostre proposte, Ci auguriamo che il governo e non l'Inps avanzi a sua volta la sua ipotesi".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni Matteo Renzi

In settimana si avranno notizie dalla commissione lavoro, ma l'ipotesi di quota 97 sembra proprio quella che metterà tutti d'accordo.

Pensioni lavoratori precoci oggi 1 giugno: ultime notizie, che fare?

Questa forma di pensione anticipata sicuramente sarà utile a molti lavoratori, ma non servirebbe per il destino dei lavoratori precoci, che da tempo chiedono una soluzione consona alle loro problematiche.

La richiesta che arriva da più parti è quella di tenere in considerazione oltre alla quota 97, anche la quota 41, per uscire dal mondo del lavoro raggiunti i 41 anni di contributi e indipendentemente dall'età minima. Nel ddl in discussione di Damiano è presente anche questa soluzione, bisognerà aspettare che il Governo decida però di prenderla in considerazione. Voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere e per esser aggiornati con le ultime sulle pensioni precoci e sulla riforma, cliccate segui in alto.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto