Sono ore decisive sul fronte della previdenza. Contrariamente a quanto accaduto negli anni scorsi i mesi estivi potrebbero infatti rivelarsi fondamentali nella costruzione di un progetto di riforma che stando ai piani trapelati dalle parti di Palazzo Chigi dovrebbe compiersi in autunno a margine della Legge di Stabilità. Le ultime news su pensioni 2015 e prepensionamento aggiornate ad oggi 10-06 si concentrano senza dubbio sull'audizione che vedrà impegnato il presidente INPS Tito Boeri, chiamato a presenziare nell'Aula di Montecitorio quest'oggi a partire dalle ore 14 e 30.

Pubblicità
Pubblicità

Appare ormai chiaro come il ruolo dell'ex docente della Bocconi risulti parallelo a quello del ministro Poletti, il tutto secondo una schema inconsueto dal punto di vista delle effettive competenze cristallizzatosi comunque per via del volere del Premier Renzi. Che su Boeri punta tanto da sempre. Proprio Renzi è stato raggiunto in queste ultime ore da un appello molto sentito portato avanti da Cesare Damiano, che lo ha invitato a cambiare atteggiamento e a porsi in modo differente nei riguardi dei membri del proprio partito.

Novità e ultime news pensioni 2015 oggi 10 giugno su Quota 100 e prepensionamento: Boeri, Damiano e Renzi, i personalismi vanno messi da parte

'E' importante che Renzi abbia aperto alla discussione e che accolga la possibilità di cambiare le riforme senza fermare il loro percorso, come la scuola e la legge costituzionale, e deve valere in futuro per altri temi come quello delle Pensioni': ad esprimesi ieri in questi termini, così come riportato dall'agenzia stampa askanews, il presidente della Commissione Lavoro Cesare Damiano, sicuro di come solo tramite il dialogo si possa arrivare a trovare una soluzione condivisa per quel che concerne la riforma della previdenza. Il suo programma è chiaro: serve più flessibilità in uscita, con Quota 100 o 97 individuate come le soluzioni più idonee fermo restando che il limite anagrafico minimo per poter abbandonare l'impiego si attesterà a 62 anni. 'Renzi abbandoni posizioni del tipo 'vi asfaltiamo', 'tiriamo dritto' o come fanno alcuni ministri 'discuto ma non tratto', ci ascolti, ci vuole un coinvolgimento di tutti' - ha dichiarato Damiano a Repubblica facendo capire come solo tramite il dialogo sarà possibile costruire un percorso condiviso e vincente - 'Non ci sono aut aut, ma va affrontata un'analisi del risultato delle regionali. C'è stata una vittoria indubbia, perché su 12 Regioni andate al voto in un anno 10 sono oggi del centrosinistra, ma non si può non vedere che è un successo costruito sulle sabbie mobili dell'astensione, perché un elettore su due non è andato a votare'.



Oltre alle rilevanti problematiche nel PD, le ultime news su pensioni 2015, Quota 100 e previdenza relative ad oggi 10 giugno si concentrano anche sull'intervento che oggi pomeriggio dovrà portare a termine il presidente dell'INPS Tito Boeri. In queste settimane, il noto economista ha fatto capire che presenterà un dossier accurato e dettagliato con alcuni punti a farla da padrone: maggiore flessibilità in uscita, ricalcolo contributivo degli assegni più elevati e istituzione di un reddito minimo garantito, una sorta di bonus per gli over 55 rimasti senza impiego e senza lavoro. Dalla riconsiderazione delle cosiddette pensioni d'oro lo Stato dovrebbe incamerare oltre 4 miliardi di euro, somma che il Governo potrebbe poi reinvestire per finanziarie altri tipi di strumenti a sostegno del reddito. A questo punto non resta che seguire l'intervento di Boeri: potete rimanere aggiornati cliccando il tasto 'Segui' collocato in alto al di sopra del titolo dell'articolo.



Leggi tutto