Uno dei nodi della tanto contestata riforma della Scuola targata Renzi-Giannini riguarda il piano di immissioni in ruolo 2015 e, di conseguenza, anche il concorso scuola che dovrebbe essere bandito entro il 1 dicembre dell'anno in corso. La questione fondamentale riguarda una contraddizione: per una serie di classi di concorso (pensiamo, ad esempio, alla A037), i posti disponibili, al di là del possibile potenziamento (che sarà comunque "relativo"), sono pochissimi e sia le Graduatorie ad Esaurimento che le Graduatorie di Merito rigurgitano di aspiranti docenti - è stato già annunciato, infatti, che le GaE resteranno attive ancora per alcuni anni; tra il 2015 e il 2016 si terrà, poi, un concorso a cattedra che promette il "posto" a tempo indeterminato ad altre decine di migliaia di docenti.

Pubblicità
Pubblicità

La domanda riguarda gli scenari possibili: una cosa sembra essere chiara, la riforma della scuola produrrà probabilmente più confusione che ordine e i contenziosi giudiziari rischiano di moltiplicarsi.

Ultime notizie concorso scuola 2015 e immissioni in ruolo: è caos

Occorre procedere con ordine. Per quanto riguarda il concorso scuola 2015, esso sarà aperto soltanto ai docenti già in possesso di abilitazione (dunque: TFA, PAS e SFP), i quali dovrebbero essere nell'ordine di circa 200mila aspiranti: le procedure non sono state ancora chiarite e si attendono i decreti attuativi per comprendere come si svolgerà.

Pubblicità

Alcuni dati sono certi: per i neolaureati non c'è speranza per il momento, si tratterà di attendere un nuovo dispositivo per ottenere l'abilitazione (sembra che sarà bandito un nuovo TFA); i posti messi a concorso dovrebbero essere nell'ordine di 60mila (ma non si tratta di dati "ufficiali" e le cose potrebbero tranquillamente cambiare); i docenti che dovessero risultare vincitori entrerebbero in "Graduatorie di Merito" che si andrebbero naturalmente a "scontrare" con le GaE ancora attive.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola

Passiamo alle immissioni in ruolo. La questione fondamentale è soprattutto una: i docenti di alcune classi di concorso non potranno essere tutti assorbiti a causa del "sovraffollamento" e dunque le GaE lungi dall'essere "chiuse" resteranno ancora e a lungo aperte. Le contraddizioni sono molte: perché gli idonei delle GM dovrebbero avere la precedenza sui docenti nelle GaE? E soprattutto, quale sarà il "rapporto" tra gli insegnanti ancora senza contratto ma in GaE con i docenti che vinceranno il concorso scuola 2015?

Una possibile soluzione, data anche la confusione che regna nel mondo della scuola, potrebbe essere quella del rinvio del concorso scuola, in maniera tale da riuscire a "strappare" un altro anno alle promesse di immissioni in ruolo. Un'altra possibile soluzione è che soltanto per le classi particolarmente affollate non si bandisca il concorso scuola 2015 o si bandisca per un numero estremamente esiguo di posti.

Pubblicità

Sullo sfondo resta la questione del "potenziamento", ma è chiaro come difficilmente possa impattare in maniera determinante su numeri tanto vasti.

È tutto con le ultime news sul concorso scuola 2015 e le immissioni in ruolo. Se desiderate ricevere aggiornamenti sulla materia scolastica, il consiglio è di cliccare su "Segui" in alto poco sopra il titolo dell'articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto