E se mancassero i posti per tutti gli iscritti in GaE? Un pensiero preoccupante. Le previsioni delle due fasi di assunzioni tra turn over, sostegno e piano straordinario contano un numero complessivo di 102.734 cattedre suddivise nei diversi ordini e gradi di Scuola. Le prime assunzioni dovrebbero essere completate entro il 31 agosto 2015, per poi dare avvio alla seconda fase di immissioni da concludersi entro il 15 settembre 2015, tutte con la stipula di un contratto di lavoro a tempo indeterminato con scelta della sede scolastica provvisoria e da definire nelle operazioni di mobilità dell'a.s.

Pubblicità
Pubblicità

2016/2017. In considerazione che i parametri per l'espletamento delle assunzioni deve avvenire per il 50% da GaE e per il 50% dalle GM dei concorsi ancora con iscritti senza posto nella scuola, potrebbe anche accadere che i posti messi a concorso per infanzia, primaria, secondaria di I e II grado non siano sufficienti a coprire le esigenze del progetto di stabilizzazione dei precari del progetto de La Buona Scuola. Che fine faranno allora i docenti presenti in GaE che non saranno assunti?

Vediamo il dettaglio.

In GaE ma non assunti, che fine faranno?

In relazione al sistema di assunzione indicato dal Governo e dal Ministero che ha suddiviso le operazioni di espletamento delle immissioni in ruolo per l'a.s.2015/2016 in due fasi, di cui la seconda tripartita in altre tre fasi, in relazione alla tipologia dei posti disponibili, i docenti iscritti in GaE che non troveranno posto nella scuola nemmeno a seguito dell'applicazione del piano straordinario delle assunzioni resteranno in graduatoria in attesa di assunzione su una percentuale del 50% disponibile del contingente provinciale. Nel dettaglio e in breve, i docenti delle GaE che non saranno assunti per mancanza di posti per la propria classe di concorso continueranno a restare nella graduatoria in oggetto, le GaE dunque non verranno svuotate nè chiuse, e dovranno attendere ancora per l'assunzione sulla metà dei posti dei contingenti provinciali. È solitamente nel mese di agosto che il Ministero della Pubblica Istruzione rende noti, tramite la pubblicazione nel sito degli Uffici Scolastici Provinciali, la ripartizione dei posti del contingente provinciale per le assunzioni del personale docente per ogni ordine e grado di scuola per l'anno scolastico successivo. Non è comunque nemmeno difficile che la situazione si verifichi, in considerazione del numero dei docenti che ha avviato ricorso per l'inserimento in GaE - si vedono i ricorrenti magistrale, che da tempo attendono il riconoscimento - ma vi sono anche le graduatorie ancora attive dei concorsi precedenti, e non solo gli iscritti (idonei e vincitori del concorso a cattedra 2012). La fine dei docenti non assunti per l'a.s.2015/2016? Nessuna fine, continueranno a restare nelle GaE e nella stessa posizione in attesa della liberazione di un posto comune, vacante o disponibile per la propria cdc e sul contingente provinciale solo per il 50%, riducendo ancora maggiormente le possibilità di immissione in ruolo. Si consideri inoltre che anche nelle prime assunzioni, la sede scolastica è provvisoria fino al prossimo anno scolastico (primo anno di immissione in ruolo per il docente) e definita solo in fase di mobilità, per cui potrebbero liberarsi alcune sedi scolastiche. Se vuoi restare sempre aggiornato sul mondo della scuola e sulle assunzioni da GaE e concorso per il prossimo anno scolastico, clicca su 'segui' in alto alla tua sinistra, e/o se l'hai ritenuta interssante, clicca sulle cinque stelle in alto alla tua destra per votarla.
Leggi tutto