Non è una novità che la Riforma della Scuola di Renzi non piaccia agli insegnanti e al mondo scolastico, tanto che in questi mesi abbiamo assistito a diverse proteste contro il DDL. L'ultima azione, intrapresa dal comitato nazionale Leadership alla Scuola è un referendum per l'abrogazione in toto della riforma passata lo scorso 13 luglio in via definitiva alla Camera. L' annuncio della richiesta per questo referendum popolare è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale (numero 165) e gli è stato assegnato il numero 15A0565.

Pubblicità

Riforma Scuola di Renzi, ecco il referendum abrogativo ora servono le firme

Il testo del Referendum sulla Scuola è piuttosto chiaro e recita: "Volete voi che sia abrogata la legge del 13/7/2015 n. 107. Come previsto dall'articolo 75 della costituzione è stata promossa una richiesta di referendum popolare, ma ora è necessario che vengano raccolte le firme necessarie, che sono cinquecentomila. Per questo motivo è importante che la gente sia informata della proposta, anche grazie al passaparola sui social network (visto che televisioni e stampa non ne parlano).

Dove firmare per il Referendum contro la riforma della Scuola di Renzi

Tutti i cittadini maggiorenni e aventi diritto di voto possono firmare il referendum, e per farlo potranno recarsi negli uffici comunali di tutti i Comuni italiani. Inoltre in movimento per il referendum ha annunciato che presto ci sarà la possibilità di "Sottoscrivere la richiesta di referendum presso appositi banchetti che saranno allestiti in tutto il territorio nazionale". Ricordiamo che il termine ultimo per la raccolta delle firme è il 25 settembre 2015. Presto sarà allestito un sito internet che a detta degli organizzatori: "Consentirà ai promotori del referendum di riconoscersi in questo spazio virtuale in modo da favorire i contatti sul territorio, la collaborazione e l'organizzazione di comitati territoriali e scolastici".

Pubblicità

Tutti uniti insomma, per cercare di modificare la Riforma della Scuola di Renzi, facendo il possibile nel nostro piccolo. Se pensate che l'articolo possa esser utile, commentate, fatelo girare sui social e condividetelo! Vi terremo aggiornati nei prossimi giorni sugli sviluppi del Referendum e sulle iniziative del comitato (cliccate segui in alto per ricevere le notizie).