Prosegue la nostra rassegna curiosa sull'analisi del numero delle cattedre disponibili e vacanti nelle diverse regioni del territorio italiano, dove il Governo Renzi ha imposto ai docenti un esodo senza nessuna consapevolezza della destinazione. È di stamattina la nuova protesta in Sardegna che vede gli insegnanti dell'isola minacciati da una continuità territoriale che economicamente non esiste, e tanto meno territorialmente.

Pubblicità
Pubblicità

I sindacati rimarcano che 'non è colpa loro', ma l'agitazione di una scelta da fare tra il lavoro e la famiglia non è certo stato il sogno di nessun docente che da anni sogna di essere immesso in ruolo. Il personale della Scuola coinvolto nell'indicazione di una provincia a scelta per l'assunzione in ruolo anche differente da quella di appartenenza nelle GaE o dove è stato vinto il concorso 2012 non ritiene infatti un'opportunità ottenere l'immissione in ruolo a Km di distanza dalla propria residenza o, come nel caso dei docenti sardi, 'saltare il mare' per poter lavorare.

Pubblicità

Al momento si richiede il blocco della domanda di assunzione con petizione. A tal proposito, ultima analisi è quella delle regioni e province che hanno invece avuto un numero soddisfacente di posti normali per l'infanzia: ne abbiamo, sempre seguendo la nostra curiosità, rintracciato ben 8 (come negli altri schemi, il primo numero è l'OD, il secondo corrisponde alla disponibilità mentre il terzo all'aliquota che si mantiene mediano per tutte e otto le regioni.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola

Province con posti infanzia soddisfacenti

L'analisi è stata avviata in ordine crescente, partendo dalle regioni che hanno un numero superiore a 100 posti fino a un massimo di 280 posti, ovvero non superiore ai 300, indicate come le regioni con più cattedre vacanti. Un numero di posti comuni per la scuola dell'infanzia mediano e soddisfacente è stato ritrovato nella regione CALABRIA: Catanzaro 771 39 29, Cosenza 1467 48 35, Crotone 401 16 12, Reggio Calabria 935 46 34, Vibo Valentia 350 6 4 per un totale di 114;  segue la regione SICILIA: Agrigento 909 18 13, Caltanissetta 596 2 1, Catania 1598 23 17, Enna 427 9 7, Messina 1086 38 28, Palermo 1525 33 24, Ragusa 784 23 17, Siracusa 894 35 26, Trapani 730 17 13 per complessivi posti 146MARCHE: Ancona 928 96 71, Ascoli Piceno 679 27 20, Macerata 586 34 25, Pesaro E Urbino 577 55 40, totale 156; la regione VENETO: Belluno 280 16 12, Padova 485 21 15, Rovigo 211 13 10, Treviso 556 41 30, Venezia 874 79 58, Verona 716 31 23, Vicenza 779 63 46 per complessivi 194 posti.

Superano il podio dei 200 posti comuni nell'infanzia la regione CAMPANIA: Avellino 837 33 24, Benevento 583 18 13, Caserta 1872 37 27, Napoli 6313 141 104, Salerno 2066 53 39 per un totale di 207 cattedre vacanti e disponibili; segue la PUGLIA con Bari 2760 141 104, Brindisi 798 28 21, Foggia 1118 29 21, Lecce 1405 60 44, Taranto 895 41 30 per un totale di 220 postiPIEMONTE: Alessandria 615 44 32, Asti 293 9 7, Biella 279 12 9, Cuneo 948 30 22, Novara 518 24 18, Torino 2825 215 158, Verbano Cusio Ossola 234 8 6, Vercelli 302 29 21, per un totale di 273 posti.

Pubblicità

Ultima nella nostra classica crescente è la regione LAZIO: Frosinone 1021 28 21, Latina 1124 60 44, Rieti 318 41 30, Roma 3686 240 176, Viterbo 535 20 15 che mantiene la disponibilità di assunzioni in ruolo per per un totale di 286 cattedre. Se vuoi restare aggiornato sull'analisi dei posti per il ruolo, puoi cliccare su 'segui' in alto a sinistra o votare la news cliccando sulle stelline a destra.

Pubblicità

Ricordate che potete anche farci sapere se appartenete a una delle 8 regione indicate con un numero di posti superiore a 100 ma inferiore a 300 nell'infanzia, giusto per avere un confronto e un riscontro delle nostre analisi per il prossimo anno scolastico.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto