Si è chiusa ieri la fase di presentazione delle domande di assunzione per il piano straordinario del Miur: da una parte, il presidente del Consiglio, Matteo Renzi e il ministro Stefania Giannini esaltano il successo della legge 107, dall'altra sindacati e il fronte del NO alla Buona Scuola parlano di truffa, di ricatto occupazionale e di scommessa persa dal governo.

Come senz'altro saprete, sono state in tutto 71.643 le domande di partecipazione pervenute al Ministero dell'Istruzione, tramite Istanze Online ed è interessante esaminare, regione per regione, come hanno risposto i docenti precari all''opportunità irrinunciabile' proposta dalla nuova riforma scolastica. 

Assunzioni scuola: Sicilia e Campania in testa come domande presentate

Cominciamo dalle due regioni che hanno risposto con il maggior numero di 'SI alla domanda': in testa c'è la Sicilia con 11.864 docenti che hanno compilato la richiesta, seguita dalla Campania con 11.142.

Pubblicità

Evidentemente, l'estrema carenza di lavoro in queste due regioni ha avuto la meglio di fronte alla scelta di boicottare la domanda: nonostante la grande paura di essere trasferiti lontano da casa potesse condizionare non poco questa scelta, alla fine molti precari hanno finito per tentare la 'fortuna'. Al terzo posto troviamo il Lazio con 7.125 domande, seguita dalla Lombardia a 6.630; al quinto posto la Puglia con 6.040, seguita dalla Calabria e dalla Toscana (rispettivamente 4.314 e 4.283). Emilia Romagna e Veneto hanno risposto in egual misura (3.696 contro 3.694 domande) mentre sono stati solo 2.623 i precari del Piemonte ad aver inviato la domanda.

Domanda di assunzione: le regioni con meno partecipazioni e tutti gli altri dati 

Quali sono le regioni che hanno boicottato in misura maggiore il piano assunzionale straordinario del Miur? I docenti del Molise (711) ma soprattutto quelli della Liguria (783) hanno snobbato la domanda. Vediamo, invece, qui sotto i dati relativi alle altre regioni d'Italia:

  • Abruzzo 1.925 domande
  • Basilicata 1.207
  • Friuli Venezia Giulia 980
  • Marche 1.806
  • Sardegna 1.747
  • Umbria 1.073