Proseguono le dichiarazioni sull'esito dell'incontro inerente il tema dell'opzione donna avvenuto stamani in Commissione Lavoro. Walter Rizzetto ha da poco emanato un comunicato visibile sulla pagina ufficiale di Alternativa Libera in cui specifica l'attuale 'no' del Mef sia sulla pensione anticipata donne a 57 anni sia sulla questione esodati. Il titolo del Comunicato' 'Pensioni, Rizzetto: Renzi si è speso i soldi di esodati ed opzione donna per fare altro', è di quelli che probabilmente faranno discutere. Meno nera pare, invece, la situazione così come esposta dall'avvocato Andrea Maestri che precisa, dando ancora speranza alle iscritte al Comitato Opzione donna di 'fumata grigia'.

Pubblicità
Pubblicità

Ecco quanto detto dall'avvocato e subito postato sulla pagina ufficiale del Comitato da Orietta Armiliato

Pensione anticipata, opzione donna: nuovo incontro a giorni

'Fumata grigia per Opzione Donna in Commissione Lavoro. Ho potuto assistere personalmente ai lavori della Commissione in quanto deputato del Gruppo Misto, pur non essendo componente della medesima. Erano presenti i tecnici di MEF e Min. Lavoro ed il Presidente Inps Boeri. Fronte unitario dei commissari di maggioranza e opposizione, guidato dal Presidente Damiano che ha sollecitato con forza i 2 Ministeri a individuare in...

tempi certi la soluzione. Continua l'interpretazione diversa dei 2 ministeri sui conti e sulle regole di contabilità pubblica. Il nodo deve essere sciolto con una decisione politica che rispetti la norma e i diritti di donne optanti ed esodati. La conferenza di servizi ministeriale si riunirà a giorni e tornerà ad essere convocata a breve la Commissione Lavoro. Dunque, restiamo tutti in fiduciosa ed operosa attesa'

Le lavoratrici sono ovviamente sconcertate dall'esito della riunione di oggi, confidavano infatti si fosse ormai sulla strada della vittoria. Quel che pare certo comunque è che le iscritte al Comitato non demorderanno e non rinunceranno a lottare finché non verranno ripristinati i termini di scadenza originari di legge insiti nella 243/2004.

Leggi tutto